Liberate immediatamente i giornalisti che languono nelle prigioni eritree dal 2001

Dal nostro corrispondente
Makeda Saba
Da qualche parte in Eritrea, 3 novembre 2020

In Eritrea, nel 2001, i membri dissidenti dell’unico partito politico, il Fronte popolare per la democrazia e la giustizia (PFDJ), noti come G15, hanno messo apertamente in discussione le pratiche e le politiche del potere. I nascenti media nazionali indipendenti hanno svolto un ruolo vitale nella discussione, pubblicando editoriali, commenti e lettere scambiate tra i membri del G15 e il presidente Isaias Afwerki.

Il Presidente eritreo ha risposto alle critiche e al dibattito in corso sui giornali chiudendo tutti i media indipendenti e arrestando tutti i giornalisti e gli editori ad essi associati. La giustificazione degli arresti è stata: sono tutti criminali e traditori colpevoli di cospirazione con i nemici del Paese (cioè l’Etiopia).

In particolare, nel caso dei giornalisti, l’arresto non è stato conforme alle disposizioni della Proclamazione alla stampa (1996) in quanto non vi è stato un ordine del tribunale per l’arresto né è stato dichiarato lo stato di emergenza. Nessun tribunale ha ascoltato il loro caso. L’arresto dei giornalisti è stato un’azione intrapresa al di fuori del sistema giudiziario. Si è trattato quindi di un atto al di fuori dello Stato di diritto, con l’unico scopo di mettere a tacere i media e di limitare la libertà di parola. Ad oggi, in Eritrea, non esistono mezzi di comunicazione indipendenti.

Arrested journalists in Eritrea in 2001

Nel 2001 il governo eritreo ha arrestato i seguenti giornalisti:

Yosef Mohamed Ali, caporedattore capo dello Tsigenay;
Seyoum Tsehaye, redattore freelance e fotografo ed ex direttore della televisione di Stato eritrea (ETV);
Temesgen Gebreyesus, Reporter di Keste Debena;
Mattewos Habteab, redattore di Meqaleh;
Dawit Habtemicheal, vicedirettore capo, Meqaleh;
Medhanie Haile, vicedirettore, Keste Debena;
Fessahye Yohannes (cioè Joshua), reporter e comproprietario di Setit;
Said Abdulkadir, capo redattore capo di Admas;
Amanuel Asrat, caporedattore capo di Zemen;
Dawit Isaak, giornalista e comproprietario di Setit;
Hamid Mohammed Said, ETV;
Saleh Aljezeeri, Eritrean State Radi0;
Zemenfes Haile, fondatore e direttore del settimanale privato Tsigenay;
Ghebrehiwet Keleta, giornalista dello Tsigenay,
Selamyinghes Beyene, reporter del settimanale MeQaleh;
Binyam Haile di Haddas Eritrea;
Simret Seyoum, scrittore e direttore generale di Setit.

Tre dei giornalisti arrestati nel 2001 hanno ricevuto un riconoscimento internazionale per il loro lavoro. Seyoum Tsehaye è stato nominato giornalista dell’anno nel 2007; Dawit Isaak è stato premiato con la Penna d’Oro della Libertà nel 2011 e nel 2017 con il Premio Mondiale per la Libertà di Stampa UNESCO/Guillermo Cano World Press Freedom Prize.

Quest’anno, Amanuel Asrat è stato premiato con il Premio Internazionale Scrittore di Coraggio. Durante un’intervista della BBC del 2001, in cui si discuteva degli arresti, Yeamane Grebremeskel (il potentissimo guardiano del regime, ndr) ha confermato l’opinione del Governo secondo cui i giornalisti erano coinvolti in attività illegali che mettevano in pericolo la sicurezza e la sovranità dell’Eritrea. Tuttavia, non è stato in grado di specificare le accuse o quale ente governativo sarebbe stato responsabile del loro caso. Una fonte affidabile riferisce che il governo non ha mai formalmente accusato il giornalista che non è stato portato in giudizio. Da allora il governo ha continuato ad arrestare e a far sparire arbitrariamente i giornalisti. Ha anche fatto in modo che le collezioni archiviate dei giornali indipendenti non siano facilmente disponibili per la consultazione.

Il governo eritreo ha effettivamente messo a tacere gli eritrei. Un’azione contraria alle disposizioni dell’articolo 19 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo (UDHR), all’articolo 19 della Convenzione internazionale sui diritti civili e politici (ICCPR), all’articolo 9 della Carta africana dei diritti dell’uomo e dei popoli (ACHPR) e all’articolo 19 della Costituzione eritrea del 1997 che il Governo non ha mai implementato.

Preoccupata per la limitazione della libertà di parola da parte del governo eritreo, l’organizzazione internazionale Articolo 19 ha presentato il caso del giornalista eritreo arrestato e dei membri del G15 alla Commissione africana per i diritti umani e dei popoli. Dopo aver esaminato il caso, la Commissione ha concluso che il governo eritreo ha violato il diritto alla libertà di espressione e che la restrizione generale dei diritti umani e, in particolare, dei diritti umani:

“………il diritto alla libertà di espressione e alla libertà dall’arresto e dalla detenzione arbitraria serve solo a minare la fiducia dell’opinione pubblica nello stato di diritto. “

Anche la Commissione africana dei diritti umani è stata del parere che:

“….. L’obiettivo legittimo di salvaguardare e addirittura rafforzare l’unità nazionale in circostanze politiche difficili non può essere raggiunto cercando di mettere la museruola alla difesa, alla democrazia multipartitica, ai principi democratici e ai diritti umani”.

Pertanto, la Commissione ha indirizzato il governo eritreo verso questo obiettivo:

“…………liberare o per portare ad un processo rapido ed equo i 18 giornalisti detenuti dal settembre 2001, e per revocare il divieto di stampa; raccomanda che ai detenuti sia concesso l’accesso immediato alle loro famiglie e ai loro rappresentanti legali, e raccomanda che il governo dell’Eritrea prenda misure adeguate per garantire il pagamento di un risarcimento ai detenuti”.

Il caso del giornalista eritreo Dawit Isaak è stato portato davanti alla Commissione africana per i diritti umani e dei popoli il 29 ottobre 2012. Dawit è uno dei giornalisti arrestati dal governo eritreo nel 2001 e scomparsi. Nell’esaminare il caso, la Commissione ha rilevato che il governo eritreo non ha intrapreso alcuna azione per dare attuazione al suo precedente orientamento in merito all’arresto e alla scomparsa di Dawit Isaak e di altri giornalisti:

“La Commissione osserva pertanto che i diritti e gli obblighi delle parti sono stati debitamente determinati dall’articolo 19. La Commissione osserva inoltre che la presente comunicazione è conseguente alla mancata attuazione della decisione dello Stato convenuto, che ha portato il denunciante ad essere tenuto in isolamento per circa 13 anni. La Commissione si rammarica di questo stato di cose e desidera richiamare l’attenzione dello Stato convenuto sul suo obbligo di dare attuazione ai diritti e alle libertà sancite dalla Carta che si è volontariamente impegnato a rispettare”.

In conclusione, la Commissione ha ribadito le indicazioni che aveva dato nel caso dell’articolo 19 – vs- lo Stato dell’Eritrea. In particolare, ha ordinato al governo di:

“a. rilasciare o portare ad un processo rapido ed equo i 18 giornalisti (compreso Dawit Isaak), detenuti dal settembre 2001, e di revocare il divieto di stampa;

b. concedere ai detenuti l’accesso immediato alle loro famiglie e al loro rappresentante legale; e

c. adottare misure adeguate per garantire il pagamento di un indennizzo ai detenuti; …”.

Fino ad oggi, il governo eritreo non si è attivato per attuare le direttive della Commissione africana per i diritti umani e dei popoli. E le famiglie dei giornalisti non hanno idea di dove si trovino i loro cari e della loro sorte.

Sebbene il caso di tutti i giornalisti arrestati dal governo eritreo e scomparsi nel nulla sia terribile e inquietante, la situazione di Dawit Isaak è unica in quanto si tratta di una persona con doppia cittadinanza: svedese ed eritrea. È stato uno dei fondatori del quotidiano indipendente Setit. Nel 2001, il suo giornale ha pubblicato una lettera aperta, da parte dei membri del governo eritreo dissenzienti, noti come G15, al presidente Isaias Afwerki. Questa pubblicazione ha generato un acceso dibattito pubblico e sui media locali. Uno scambio vivace di opinioni che finito con l’arresto da parte del governo degli undici membri del G15 e dei giornalisti. Dawit, come già detto, è stato uno degli arrestati.

Poiché il giornalista è anche cittadino svedese, il governo di Stoccolma ha intrapreso numerose iniziative diplomatiche  per ottenere il suo rilascio. Nel 2009, il ministro dello Sviluppo dell’UE Louis Michael ha ricevuto solide assicurazioni dai diplomatici eritrei sulla possibilità di rilasciare Dawit Isaak. Forte di tali assicurazioni, il ministro si è recato ad Asmara. Il governo eritreo non ha rilasciato Dawit e il ministro non ha potuto neppure vederlo.

Dawit Isaak, giornalista eritreo-svedese in galera dal 2001

Essendo poi Dawit un cittadino dell’Unione Europea, il suo caso è stato portato all’attenzione del Parlamento dell’UE. Per questo motivo, nel 2011, il Parlamento ha emesso la sua prima risoluzione chiedendo il suo rilascio. La risoluzione afferma che, essendo Dawit un cittadino dell’UE, l’UE ha l’obbligo giuridico e morale di proteggere i suoi interessi come previsto dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo. La risoluzione esprime anche la preoccupazione che Dawit abbia già trascorso dieci anni in prigione senza essere stato accusato o sottoposto a processo. Il Parlamento europeo ha inoltre espresso il proprio sgomento per il rifiuto del governo eritreo di fornire informazioni sul suo stato di salute. Da allora ci sono state altre due risoluzioni del Parlamento europeo che affrontano il deterioramento della situazione dei diritti umani in Eritrea e chiedono il rilascio di Dawit Isaak; giornalisti e altri prigionieri di coscienza come i membri del G15.

E’ indignata la reazione del governo eritreo alla risoluzione del Parlamento europeo di quest’anno che chiede il rilascio di Dawit Isaak. L’editoriale del Ministero dell’Informazione eritreo, che fa eco alla risposta ufficiale del governo, rigetta le critiche del documento in merito all’incarcerazione di Dawit e al deterioramento dei diritti umani nel Paese: “… assolutamente falso …. “. Il Ministro dell’Informazione twitta: “L’Eritrea respinge categoricamente la risoluzione del Parlamento europeo che è del tutto infondata nella sostanza e malvagia nell’intento”.

Ufficialmente, il governo eritreo ritiene che la risoluzione del Parlamento europeo del 2020 sia un attacco all’Eritrea e che sia un rimaneggiamento dei “…fallaci rapporti del relatore speciale dell’UNHRC sull’Eritrea”. Risponde che, poiché Dawit è colpevole di”…atti di tradimento…”, il suo caso “…non può essere inteso come una questione di diritti umani e libertà di espressione…”. Pertanto, il che implica che i prigionieri come Dawit non hanno diritti umani. La risposta si oppone fermamente al paragrafo 8 della risoluzione del Parlamento europeo di quest’anno. Il paragrafo richiede una valutazione da parte della Commissione:

“…i risultati tangibili in materia di diritti umani che sono il risultato della strategia UE-Eritrea e del cosiddetto “approccio a doppio binario””; la risoluzione richiede inoltre che la Commissione garantisca il rispetto della “condizionalità degli aiuti UE …….“.

In risposta, il governo eritreo afferma che: “… L’Eritrea non è parte di un accordo con l’UE basato su un approccio “a doppio binario” e che prevede condizioni che corrodono le sue scelte e decisioni politiche sovrane. L’Eritrea sa invece  che la cooperazione multilaterale allo sviluppo con l’UE è disciplinata dall’accordo di Cotonou……La dichiarazione relativa alla comprensione da parte dei governi eritrei dell’approccio a doppio binario non è vera. Il 28 gennaio 2016, il governo eritreo e l’Unione europea hanno firmato l’11° accordo di Cotonou”.

Fondo Europeo di Sviluppo – Programma indicativo nazionale 2014-2020

Il Programma ha stanziato 175 milioni di euro per l’energia sostenibile e 25 milioni di euro per la governance. Entro il 2019, gran parte del PIN non era impegnato. Pertanto, nel marzo dello stesso anno, tenendo conto dell’accordo di pace recentemente firmato tra Etiopia ed Eritrea, il Comitato del Fondo europeo di sviluppo (FESC) ha approvato all’unanimità il trasferimento di 180 milioni di euro dal PIN (2014-2020) al Fondo fiduciario di emergenza dell’UE per l’Africa (EUTF).

La decisione ha modificato il PIN, cambiando il focus dei finanziamenti dell’UE alla costruzione e al ripristino delle strade. L’azione è stata motivata dal fatto che avrebbe consentito la necessaria flessibilità per riprendere un significativo dialogo politico con l’Eritrea, rafforzando al contempo il processo di pace in Etiopia. Un approccio a doppio binario. Tale cambiamento non poteva avvenire senza la conoscenza e il consenso del governo eritreo.

Sulla questione delle condizioni applicabili, il governo eritreo dovrebbe ricordare che gli elementi critici dell’impegno come l’accordo di Cottonau sono i diritti umani, i principi democratici e lo stato di diritto. Tutte questioni giustamente sollevate in tutta la risoluzione del Parlamento europeo su Dawit Isaak.

Il governo dell’Eritrea non ha rilasciato nessuno dei giornalisti, dei membri del G15 o di qualsiasi altro prigioniero di coscienza. Le famiglie dei prigionieri non hanno accesso e non hanno informazioni sul benessere dei loro cari. Infine, non ha rilasciato Dawit Isaak, e sono diciannove anni che la sua famiglia non lo vede e non ha notizie. I suoi figli sono cresciuti senza mai vedere il padre, crudeltà inimmaginabile che lo Stato dell’Eritrea continua a perpetrare contro la famiglia.

Nonostante gli sforzi del governo eritreo, le informazioni sulle fughe di notizie dei suoi prigionieri. Molte delle rivelazioni provengono da guardie e altri funzionari del governo che sono fuggiti. Purtroppo, si dice che un certo numero di giornalisti arrestati nel 2001 siano morti a causa di maltrattamenti, negligenza e tortura. Sulla base delle testimonianze oculari, gli attivisti eritrei per i diritti umani hanno compilato una lista di “Prigionieri politici, prigionieri della coscienza e altri cittadini scomparsi con la forza in Eritrea (1991-2020)”.

Tuttavia, le informazioni non sono complete. L’assenza di un corpo, l’impossibilità di eseguire i riti funebri significano che le famiglie non possono piangere i loro cari. Anche se il governo eritreo, come il Dergue, non chiede il pagamento delle pallottole che uccidono i nostri cari, sta comunque estraendo dalle famiglie e da tutti noi la sua libbra di sangue e sofferenza. In questo modo, il giornalista, le loro famiglie e il popolo eritreo sono in prigione. Punizione collettiva.

Il ricordo è un atto di sfida. Parlare e condividere le nostre storie è un atto di sfida. Per questo motivo, ricordiamo, raccontiamo le nostre storie e siamo solidali con Dawit Isaak e la sua famiglia. La lotta per il rilascio di Dawit Isaak e, attraverso di lui, per il rilascio di tutti i prigionieri politici, i prigionieri della coscienza e le altre persone scomparse con la forza continua e si sta rafforzando.

L’ultimo sforzo per il rilascio di Dawit è l’azione giudiziaria svedese avviata il 21 ottobre da Reporter senza Frontiere (RSF),  contro il presidente Isaias Afwerki e sette alti funzionari del governo eritreo. Reporter senza Frontiere ha presentato una denuncia per crimini contro l’umanità, sparizioni forzate, torture e rapimenti.

Noi ce lo ricordiamo.

Makeda Saba
makedasaba@gmail.com

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: