Ghana, i leader tradizionali vietano gli omicidi rituali di bambini disabili

Massimo A. Alberizzi
30 aprile 2014
I leader locali nel nord del Ghana hanno annunciato l’abolizione degli omicidi rituali di bambini innocenti nati con disabilità fisiche. Secondo le superstizioni si crede che i bimbi nati con qualche handicap siano posseduti da spiriti maligni. I “figli spirituali”, come vengono chiamati, sono considerati come portatori di sventura e magari pronti a far bere a genitori e parenti pozioni velenose per ucciderli.

La decisione degli anziani di vietare questa pratiche barbare, secondo gli analisti, è dovuta anche al miglioramento delle condizioni sanitarie della popolazione rurale ma soprattutto alla diffusione dell’istruzione e della coscienza civile. In realtà la pratica è vietata dalla legge, ma ampiamente praticata perché difficile da sradicare.

Oggi nel distretto di Kassena Nankana all’estremo nord del Ghana dove è stato annunciato il divieto e dove superstizioni e credenze sono più diffuse, la gente sta abbandonando le religioni tradizionali per abbracciare le decine di sette cristiane e le meno numerose (ma molto attive) sette musulmane che proliferano nell’Africa sub sahariana.baby in body bag

Le nuove scelte spirituali stanno cambiando profondamente le società tradizionali. Le donne prendono coscienza seppure assai lentamente del loro ruolo. E sono le donne che per prime decidono di seguire i nuovi credo; gli uomini ci arrivano un po’ dopo. Il ruolo dominante nella famiglia del patriarca sta lentamente tramontando. Ora i membri del nucleo familiare manifestano nuove aspirazioni e forti segnali di indipendenza,

Nelle società tradizionali esistono ruoli precisi. Nel caso dei “bambini indiavolati”, per esempio, ci sono gli “uomini intruglio”, cioè coloro cui le famiglie affidano i figli da sopprimere e che, per questa crudele e disumana operazione, preparano pozioni velenose. Ora le organizzazioni umanitarie che stanno aiutando il governo e i leader locali a estirpare questa terribile usanza, hanno riciclato gli “avvelenatori”, che lavorano con i bambini disabili per promuovere i loro diritti.

[embedplusvideo height=”281″ width=”450″ standard=”http://www.youtube.com/v/haHGwcPyY64?fs=1″ vars=”ytid=haHGwcPyY64&width=450&height=281&start=&stop=&rs=w&hd=0&autoplay=0&react=1&chapters=&notes=” id=”ep6567″ /]

Uno dei più famosi giornalisti investigativi del mondo, il ganeano, Anas Aremeyaw Anas *, ha raccontato in un video di aver portato da un santone una bambola di plastica, nascosta in un cesto, sostenendo che si trattava di una creatura con problemi alimentari e disabilità fisiche.

“Dopo aver consultato gli oracoli – ha rivelato il reporter – lo stregone si è messo a saltare su e giù per la stanza e dopo un po’ ha sostenuto da avere la conferma: si trattava non di un bambino ma del diavolo in persona che andava immediatamente ucciso perché aveva già provocato la morte di due miei parenti”.

Anas camuffato

Uno dei più influenti capi locali, Naba Henry Abawine Amenga-Etigo, ha annunciato che da questo momento chiunque sarà sorpreso a condannare bambini disabili sarà consegnato alla polizia.

I pregiudizi colpiscono non solo i bambini ma anche le donne, spesso anziane che accusate di stregoneria vengono allontanate dal villaggio e costrette a vivere relegate in appositi campi.

Massimo A. Alberizzi
massimo.alberizzi@gmail.com
twitter @malberizzi

* Anas Aremeyaw Anas è un reporter investigativo del Ghana, assai famoso. Mantiene segreto il suo volto e pochissime persone l’hanno visto il faccia.  Giornalista multimediale, Anas si concentra sulle questioni dei diritti umani e lotta alla corruzione in Ghana e dell’Africa sub-sahariana.

Anas ha avuto il plauso della critica per il suo lavoro a favore dei derelitti e per il diritto di non essere tenuto in schiavitù o in servitù e di avere uno standard di vita decente compreso il diritto alla salute.

Il presidente Barack Obama ha parlato di lui esaltandone il lavoro in un discorso tenuto durante la sua visita in Ghana 2009: “Una stampa indipendente, un vivace settore privato, una società civile. Queste sono le cose che danno vita alla democrazia – ha detto il presidente americano, sostenendo poi – Sono felice di vedere questo spirito in giornalisti coraggiosi come Anas Aremeyaw Anas, che ha rischiato la vita per raccontare la verità “.

Anas ha vinto più di quattordici premi internazionali per il suo lavoro investigativo e nel 2011 alcune riviste specializzate l’hanno piazzato al quinto posto nell’elenco dei ghaneani più influenti.

Nelle foto Anas camuffato per nascondere il suo volto e un bambino soppresso perché “posseduto dal diavolo”. Il video è stato trasmesso da Al Jazeera ed è in inglese.

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi