Published On: Thu, Apr 28th, 2016

Sud Sudan: torna il vicepresidente ribelle e si spera che la pace tenga

Speciale per Africa ExPress
Cornelia I. Toelgyes
Quartu Sant’Elena, 27 aprile 2016

Riek Marchar, il leader ribelle, è tornato ieri a Juba, la capitale del Sud Sudan, e ha immediatamente prestato giuramento come vicepresidente nel nuovo “Governo di transizione per l’unità nazionale”, che dovrebbe, almeno si spera, riportare la pace dopo due anni di guerra civile.

0004

Una conflitto interno atroce, scoppiato nel dicembre 2013 perché il presidente Salva Kiir Mayardit aveva accusato il sue vice, Riek Marchar,  di aver complottato contro di lui, tentando un colpo di Stato. Da allora sono iniziati i combattimenti tra le forze governative e quelle fedeli a Machar. I primi scontri si sono verificati a fine 2013 nelle strade di Juba, ma ben presto hanno raggiunto anche Bor e Bentiu. Vecchi rancori politici ed etnici mai risolti, non hanno fatto che alimentare questo conflitto: decine di migliaia di sud sudanesi hanno perso la vita in questi ventotto mesi e oltre 2,3 milioni hanno dovuto abbandonare le loro case. A tutt’oggi,  2,8 milioni necessitano di aiuti umanitari per poter sopravvivere.  Insomma questo conflitto ha portato il Paese sull’orlo del baratro nel quasi totale silenzio del mondo e dei media.

Un militano imbraccia un mitra Heckler & Koch G3, arma di fabbricazione tedesca in dotazione ai militari dalla NATO

Un militano imbraccia un mitra Heckler & Koch G3, arma di fabbricazione tedesca in dotazione ai militari dalla NATO

Lo scorso agosto il presidente Kiir aveva firmato il trattato di pace con i ribelli, dopo essere stato minacciato di sanzioni dall’ONU.

In febbraio il segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon si è recato in Sud Sudan per ricordare a Kiir l’urgenza dell’attuazione del trattato di pace, siglato lo scorso agosto e la formazione del  governo di transizione di unità nazionale, insieme al reintegrato vice-presidente e leader dell’opposizione Riek Machar.

Finalmente, dopo svariati rinvii, Marchar è arrivato a Juba, la gente lo ha accolto con urla di gioia all’aeroporto. Ovviamente durante la cerimonia  di giuramento l’aria era ben più tesa, anche se i due protagonisti , Kiir e Marchar, si sono chiamati fratelli, si sono visti ben pochi sorrisi.

_86271004_89a988c7-7bd9-47bd-9299-8049bb3f7a15

Nei loro discorsi è emerso che entrambi sono concordi che bisogna formare il governo di transizione già nei prossimi giorni, perché solo allora i finanziatori staccheranno  i primi assegni per risollevare almeno parzialmente lo stato catastrofico nel quale vigono le finanze del giovane Stato.

Kiir e Marchar dovranno mettere da parte i vecchi rancori e le reciproche diffidenze e lavorare a fianco a fianco se veramente vogliono cambiare le sorti del Paese. Insieme dovranno affrontare i gruppi ribelli che non hanno firmato il trattato di pace. Una sfida non da poco.

Il presidente è fiducioso e ha voluto sottolineare che il ritorno di Marchar a Juba mette un punto finale alla guerra.

Cornelia I. Toelgyes
corneliacit@hotmail.it
@cotoelgyes

Rate this post

This post has already been read 2406 times!

About the Author

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.