Arrestato governatore della Banca Centrale in Nigeria: è accusato di aver sabotato l’elezione del presidente

0
2027

Africa ExPress
Abuja, 12 giugno 2023

Il governatore della Banca Centrale della Nigeria (CBN), Godwin Emefiele, è stato sospeso venerdì scorso dalle sue funzioni con effetto immediato dal neo presidente del Paese, Bola Tinubu. Il governatore è stato arrestato la sera stessa dai servizi di sicurezza nigeriani che stanno indagando sulla sua gestione dell’istituto.

Godwin Emefile, governatore della Banca Centrale della Nigeria

Un video pubblicato sui social network mostra Emefiele mentre sale ammanettato e controllato da uomini in giacca, su un jet privato per essere trasferito da Lagos a Abuja, la capitale del Paese.

La sospensione del capo della CBN era nell’aria da tempo, poichè nel periodo precedente alle presidenziali di febbraio, aveva ricevuto aspre critiche dai sostenitori di Tinubu. E’ stato accusato di aver cercato di sabotare la loro campagna elettorale con la sostituzione delle vecchie banconote della valuta nigeriana, la naira. Il fatto ha causato una grave carenza di contanti e ha scatenato la rabbia dell’opinione pubblica.

Il Partito Laburista sostiene che il neo-presidente stia conducendo una vendetta personale contro Emefiele, per aver sostituito le vecchie banconote in un momento cruciale. Ma ufficialmente tale cambio è stato fatto per combattere la compravendita di voti durante la campagna elettorale.

Durante il discorso in occasione del suo insediamento come capo di Stato, Tinubu ha criticato aspramente la gestione della valuta e della politica monetaria di Emefiele.

Ora gli analisti economici si aspettano una serie di cambiamenti da parte della banca centrale, tra questi una graduale svalutazione della naira. Già mercoledì la CBN ha permesso alla valuta di indebolirsi del 2 per cento sul mercato ufficiale, raggiungendo così un minimo storico.

Attualmente il Paese è a corto di dollari e soprattutto le imprese sono costrette a rifornirsi di valuta estera al mercato nero parallelo, dove la naira si è indebolita maggiormente.

Secondo la legge nigeriana, il licenziamento di un governatore della banca centrale richiede un voto del senato.

Attualmente gli affari correnti della CBN saranno gestiti dal vice-governatore, finchè l’inchiesta non sarà conclusa.

I mercati finanziari erano già chiusi venerdì, quando è stata annunciata la sospensione di Emefiele. Riapriranno solamente martedì, poiché il 12 giugno in Nigeria è un giorno festivo.

Nel 2014, anche il licenziamento di Sanusi Lamido Sanusi, allora governatore della CBN, da parte di Goodluck Jonathan (presidente del Paese dal 2010 al 2015) aveva suscitato molto scalpore.

Africa ExPress
Twitter: @africexp
©RIPRODUZIONE RISERVATA

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here