Macron annuncia il ribaltamento della politica francese in Africa: “L’era della françafrique è finita”

Il presidente in visita Gabon, Congo Brazzaville, Angola e Congo-Kinshasa ha annunciato un consistente ritiro delle sue truppe dal continente

0
2219

Speciale per Africa ExPress
Cornelia I. Toelgyes
7 marzo 2023

Pochi giorni prima del nuovo tour in Africa centrale (Gabon, Congo Brazzaville, Angola e Congo-Kinshasa) del presidente francese, Emmanul Macron ha annunciato a Parigi una importante riduzione delle forze francesi nel continente e un nuovo modello di partenariato.

Emmanuel Macron, presidente della Francia, in visita in 4 Paesi dell’Africa centrale

Dopo la partenza delle truppe d’oltralpe dalla Repubblica Centrafricana, Mali e Burkina Faso, alcune migliaia di uomini sono ancora di stanza nel continente.

A tutt’oggi, la Francia ha una imponente presenza militare in Africa, con quattro basi permanenti – in Senegal, Costa d’Avorio, Gabon e Gibuti – e dispiega truppe per operazioni specifiche in Niger e Ciad.

Al suo arrivo a Libreville, capitale del Gabon, Macron ha affermato: “L’era della Françafrique è finita, la Francia è ora un partner neutrale nel continente”.

In Gabon, dove il capo di Stato francese ha avuto colloqui con il presidente Ali Bongo, che quest’anno, in occasione delle presidenziali, potrebbe candidarsi per un terzo mandato. Macron ha anche partecipato al summit “One Forest”. Si tratta di un vertice organizzato da Francia e Gabon sulla protezione delle foreste tropicali, in particolare nel bacino del Congo, oggi considerato il polmone verde più importante del pianeta.

Macron, a sinistra, con il presidente dell’Angola, Joao Lourenço

Durante il soggiorno in Angola, Macron ha siglato con il suo omologo, Joao Lourenço, un partenariato volto a sviluppare il settore agricolo e agroalimentare del Paese, tra il principale produttore di petrolio dell’Africa, ma vuole diversificare la propria economia.

In Congo-Brazzaville il presidente francese è stato accolto in pompa magna dall’eterno capo di Stato Denis Sassou-Nguesso, che dirige il suo Paese con pugno di ferro dal 1997. I due hanno poi discusso per lo più dei problemi che sta affrontando il continente.

Se le prime tre visite si sono svolte in un clima disteso, a Kinshasa la situazione si è un pochino inasprita, in quanto la Francia è accusata di sostenere il Ruanda.

Durante una lunga e vivace conferenza stampa è stato affrontato soprattutto il sanguinario conflitto che si sta consumando nell’est della ex colonia belga.

Félix Tshisekedi (il presidente del Congo-K) ha atteso invano che il suo omologo francese condannasse chiaramente, “l’ingiusta e barbara aggressione perpetrata dal Ruanda nel nostro Paese”, come è stata definita dal presidente congolese stesso.

Nella regione del Nord-Kivu, sono presenti da oltre un anno i miliziani del gruppo armato M23, notoriamente appoggiati da Kigali.

Kinshasa, Congo-K: proteste contro la visita del leader francese, Emmanuel Macron

Macron non ha approfondito la questione. Si è limitato a dire: “Ognuno deve assumersi le proprie responsabilità, compreso il Ruanda. Chi ostacola il piano di pace, sa a cosa va incontro, comprese le sanzioni”. Ma ha poi aggiunto: “Il saccheggio a cielo aperto deve finire in questo Paese. Niente saccheggi, niente balcanizzazione, niente guerra”. La Francia ha comunque sempre negato il suo sostegno al gruppo M23.

Poco prima dell’arrivo del leader d’oltralpe a Kinshasa, si sono svolte diverse manifestazioni contro la Francia. Pur essendo una ex colonia belga, la percezione del sostegno di Parigi al vicino Ruanda ha alimentato il sentimento antifrancese. E tra i manifestanti alcuni hanno mormorato: “Parigi stia prestando maggiore attenzione verso l’Africa centrale, dal momento che le relazioni con le sue ex colonie in Africa occidentale si sono più che raffreddate”.

La Francia, pur essendosi schierata con il Congo-K, le Nazioni Unite e altri Paesi, nel denunciare il sostegno del Ruanda al gruppo armato M23, la gente ha criticato Macron perché non ha espresso il suo disappunto con più determinazione.

La Francia e il Ruanda si sono avvicinati dopo che nel 2021 Macron ha riconosciuto la responsabilità della Francia nel genocidio dei tutsi in Ruanda nel 1994, ma il presidente ha sempre negato di aver favorito Kigali.

Cornelia I. Toelgyes
corneliacit@hotmail.it
@cotoelgyes
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Vuoi contattare Africa ExPress? Manda un messaggio WhatsApp con il tuo nome e la tua regione (o Paese) di residenza al numero +39 345 211 73 43 e ti richiameremo. Specifica se vuoi essere iscritto alla Mailing List di Africa Express per ricevere gratuitamente via whatsapp le news del nostro quotidiano online.

Guerre e massacri in Africa per il controllo del petrolio: il ruolo della Francia

Scambio di accuse tra Ruanda e Congo-K mentre un nuovo rapporto dell’Onu inchioda le ingerenze di Kigali con forniture d’armi ai ribelli M23

A Brazzaville Mokoko condannato a 20 anni e i vescovi insorgono contro la corruzione

La passionaccia del pedale contagia l’Africa: dal tour del Ruanda a quello del Gabon si corre ovunque

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here