Uno dei sostenitori del partito conservatore britannico: “La Brexit è un “disastro completo” e “una menzogna totale”

Guy Hands, veterano del private equity, operazioni di investimenti finanziari per salvare società considerate promettenti, afferma che Boris Johnson ha "gettato il paese e il sistema sanitario sotto un autobus".

0
1435

dal The Guardian
Julia Kollewe
Mar 31 gennaio 2023

Guy Hands, figura di spicco della finanza britannica, ha definito la Brexit un “disastro completo” e un “mucchio di bugie totali” che ha danneggiato gran parte dell’economia.

Guy Hands

Parlando in occasione del terzo anniversario dell’uscita del Regno Unito dall’UE, Hands, fondatore, presidente e chief investment officer della società di private equity Terra Firma, ha dichiarato: “È stato un disastro completo. La realtà è che è stata una situazione perdente per noi e per l’Europa. L’Europa ha perso di più [nei servizi finanziari], ma anche noi abbiamo perso. La realtà della Brexit è che si è trattato di un mucchio di bugie totali.

L’unico modo in cui la Brexit proposta da Boris Johnson avrebbe funzionato era una completa deregolamentazione del Regno Unito e il passaggio a una sorta di utopia di Liz Truss, uno Stato di Singapore, e questo non sarebbe mai accaduto”, ha dichiarato Hands, ex donatore del partito conservatore, al programma Today della BBC Radio 4.

Map of europe with the national flag colours. Brexit referendum UK – United Kingdom, Great Britain or England leaving EU – European Union, British vote to exit.

“La popolazione britannica non avrebbe mai accettato uno Stato in cui il servizio sanitario nazionale sarebbe stato demolito, in cui l’istruzione gratuita sarebbe stata severamente limitata, in cui la regolamentazione in materia di occupazione sarebbe stata stravolta. Erano solo bugie assolute e totali”.

E ha aggiunto: “Il problema più grande, e si può prendere l’autobus della Brexit come buon esempio, sono le bugie che Boris Johnson e il partito conservatore hanno raccontato sul servizio sanitario nazionale. In realtà, quello che hanno fatto è stato gettare il Paese e l’NHS (il servizio sanitario britannico, ndr) sotto un autobus”.

Secondo l’esperto di sondaggi John Curtice, in media i sondaggi indicano che il 57% delle persone nel Regno Unito voterebbe per rientrare nell’UE.

Eddie Truell, veterano della City e forte sostenitore della Brexit, che ha creato la società di private equity Duke Street Capital ed è cofondatore della Pension Insurance Corporation, ha espresso disappunto per la velocità della deregolamentazione nel settore dei servizi finanziari del Regno Unito.

“Speravo che avremmo assistito a una deregolamentazione più rapida di quella che c’è stata”, ha detto, parlando anche a Today. “Abbiamo assistito a un’enorme esplosione positiva nella City dopo il Big Bang degli anni Ottanta: speravo che avremmo visto la stessa cosa”.

Ha dichiarato che la Gran Bretagna ha il più grande surplus commerciale di servizi finanziari al mondo, pari a 87 miliardi di dollari, con un aumento del 10 per cento rispetto al 2020. “Il surplus commerciale del Regno Unito nei servizi finanziari è di enorme importanza per il Paese. Tutto il resto dell’economia beneficia dei servizi finanziari”, ha dichiarato.

“L’uscita dall’UE ha fatto sì che per i servizi finanziari fosse molto più facile commerciare con altri Paesi al di fuori dell’Unione. A mio parere, è stata una perdita per tutti”, ha detto Truell. “L’UE ha probabilmente perso di più a causa del mancato raggiungimento di accordi adeguati sui servizi finanziari, ma anche il Regno Unito non ne ha tratto alcun vantaggio. Ma nel complesso la City è riuscita a orientare le proprie esportazioni verso altre parti del mondo, in particolare verso gli Stati Uniti, Singapore, la Svizzera e così via”.

Julia Kollewe

Questo l’articolo originale in inglese pubblicato dal Guardian

Brexit is a ‘complete disaster’ and ‘total lies’, says former Tory donor

https://amp.theguardian.com/business/2023/jan/31/brexit-lies-tory-billionaire-guy-hands-uk-eu-economy

Questo invece è il commento raccolto da Africa Express dell’ex deputato liberale britannico al Parlamento Europeo, Graham Watson:

L’ex deputato europeo, Graham Watson (a sinistra), e il direttore di Africa Express, MASSIMO ALBERIZZI

Commento originale di Graham:
‘It has taken John Bull six years to wake up to what Jock Tamson foresaw in 2017. Brexit has made the UK poorer and deprived people of opportunities. The big question now is whether Scotland and Northern Ireland will break from England and rejoin the EU’ .
(N.B. John Bull and Jock Tamson are the generic names given to Englishmen and Scotsmen respectively)

Cioè, tradotto in italiano:

‘Ci sono voluti sei anni a John Bull per svegliarsi e capire quello che Jock Tamson aveva previsto nel 2017. La Brexit ha reso il Regno Unito più povero e ha privato le persone di opportunità. La grande domanda ora è se la Scozia e l’Irlanda del Nord si staccheranno dall’Inghilterra e rientreranno nell’UE”.
(N.B. John Bull e Jock Tamson sono i nomi generici dati rispettivamente a inglesi e scozzesi).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here