Ministro della cultura algerino si dimette dopo tragedia al concerto rap

Africa ExPress
Algeri, 26 agosto 2019

Il presidente algerino a interim, Abdelkader Bensalah, ha accettato le dimissioni del ministro della Cultura, Meriem Merdaci, che ha rimesso il mandato dopo la morte di cinque giovani, durante una rissa scoppiata allo Stadio 20 Août 1955, situato in pieno centro della capitale Algeri, durante un concerto rap L’evento è stato organizzato da un ente pubblico, Office National des Droits d’Auteur (ONDA), il cui direttore generale, Sami Bencheikh el Hocine, è stato silurato dal primo ministro Abdelkader Bensalah, all’indomani della tragedia.

Meriem Merdaci, ex ministro alla Cultura algerino

I tafferugli sono scoppiati il 22 agosto all’entrata del concerto del popolare rapper Soolking, e hanno provocato la morte di due ragazze di 19 e 22 anni e di tre ragazzi di 13, 16 e 21 anni. Nonostante siano stati trasportati subito in ospedale non c’è stato niente da fare. I feriti sono stati una novantina, tra loro 8 in modo grave.

La sciagura si è consumata davanti a un’entrata secondaria dello stadio dove sin dal primo pomeriggio migliaia di fan attendevano impazienti davanti alle quattro piccole entrate che permettono il passaggio di una sola persona alla volta. La folla spingeva e pressava pur di poter assistere al concerto; molti sono caduti.

Al megaconcerto, organizzato da ONDA hanno partecipato oltre 30 mila persone; è iniziato con trenta minuti di ritardo e si è protratto per oltre quattro ore.

Il rapper Soolking

L’ente pubblico è stato accusato di essere responsabile della morte dei giovani, perchè avrebbe gestito l’evento in modo non professionale, non aveva i mezzi per poter controllare una tale folla. La procura di Algeri ha aperto un’inchiesta per accertare le eventuali responsabilità della sciagura.

Soolking ha precisato che gli organizzatori lo avrebbero tenuto all’oscuro della tragedia. “Se l’avessi saputo, non mi sarei mai esibito quella sera”, ha aggiunto il cantante. Il rapper, il cui vero nome è Abderraouf Derradji, vive a Parigi dal 2014 e è conosciuto dal grande pubblico solamente da gennaio 2018, dopo la sua apparizione a Planet Rap su Skyrock. Il video è stato visto oltre 180 milioni di volte. Il suo primo album Fruit du démon è uscito nel novembre dello stesso anno e ha conquistato subito le vette delle classifiche. Nel suo Paese natale è particolarmente apprezzato per la sua canzone Liberté, spesso intonata dai manifestanti durante le proteste contro Abdelaziz Bouteflika. L’anziano presidente era al potere dal 1999, ha finalmente ceduto la poltrona lo scorso aprile; da settimane grandi manifestazioni nella piazze in tutta l’Algeria avevano chiesto le sue dimissioni.

Africa ExPress
@africexp