Staffetta 4 x 400 bronzo in Giappone. Vince l’Italia più bella: quella multietnica

Dal Nostro Corrispondente Sportivo
Costantino Muscau
Milano,15 maggio 2019

Un’ex fotomodella romana della Nigeria; una poliziotta nigeriana di Fidenza; una soldatessa modenese del Sudan, una friulana ex calciatrice cresciuta a Laguna Beach (California). Questo il quartetto azzurro-colorato che ha scritto una pagina di storia dell’atletica femminile.

Maria Benedicta Chigbolu, 29 anni, Ayomide Folorunso, 23, Raphaela Lukudo, 25, Giancarla Dimich Trevisan, 26, pochi giorni fa (il 12 maggio per la precisione) a Yokohama, in Giappone, ai Mondiali di staffette, hanno conquistato nella 4×400 una medaglia da tutti definita storica.

Il quartetto, piazzandosi al terzo posto in finale con il tempo di 3’27″74, preceduto soltanto da Polonia (3’27″49) e Stati Uniti (3’27″65), ha ottenuto il miglior tempo stagionale. L’Italia non era mai salita sul podio in questa manifestazione (la IAAF World RELAYS) giunta quasi ignorata alla quarta edizione e con questa medaglia di bronzo ha guadagnato l’accesso ai Mondiali di atletica di Doha (27 settembre-6 ottobre). Un evento avvenuto senza polemiche, per fortuna. Forse sintomo dì normalità della diversità in un’Italia avvelenata dall’intolleranza? Facciamo un salto indietro, alla fine di giugno 2018.

Le ragazze italiane che hanno vinto il bronzo nella 4 x 400 ai mondiali in Giappone

Voliamo da Yokohama a Tarragona, in Spagna. Ai giochi del Mediterraneo il medesimo quartetto, quasi nella stessa formazione, vinse la medaglia d’oro.

Quel successo fu definito la risposta al raduno leghista che si svolgeva domenica 1 luglio, a Pontida. “Prime le italiane”, “Realtà 1 vs Pontida 0”, “ciaone Salvini”, furono i beffardi e polemici commenti su social.

Questa volta, no. Nessuno, giustamente, ha sottolineato il colore o l’origine di tre delle quattro atlete. Il Messaggero – più che giustamente – parlando di Maria Benedicta Chigbolu la definisce atleta reatina, perché vive e si allena a Rieti sotto la guida di Maria Chiara Milardi, che segue anche il suo fidanzato, il quattrocentista della Nazionale Matteo Galvan.

In realtà, Benedicta, seconda di 6 figli, è nata a Roma nel quartiere Torrevecchia (il suo accento è inconfondibilmente romanesco) da mamma italiana, Paola, insegnante di religione, e papà nigeriano, Augustine, consulente internazionale. Suo nonno, Julius , è stato una celebrità nel suo Paese nel salto in alto: giunse in finale alle Olimpiadi di Melbourne nel 1956.
Benedicta, che corre per l’Esercito, ha fatto anche la modella e si è laureata in Scienze dell’educazione (sogna di aprire un asilo nido). Nel 2016, per meriti sportivi il comune di Cercemaggiore (Campobasso) le conferì la cittadinanza onoraria. Questo perché a Cercemaggiore, simpaticamente autodefinitosi paese di vino e di briganti, era nato suo nonno materno e Benedicta vi trascorre le vacanze.

Anche Ayomide Folorunso, Ayo per gli amici, nata da una famiglia originaria del Sud-Ovest della Nigeria (Abeokuta) nel 1996, non è stata ricordata per le sue origini né come icona anti-Pontida. Dal 2004 vive a Fidenza (Parma) con la mamma Mariam e il papà Emmanuel, geologo minerario. È diventata italiana nel 2013 e nel giugno 2015 è stata arruolata nelle Fiamme Oro della Polizia, proveniente dal Cus Parma e – come avevamo scritto lo scorso anno – studia Medicina perché mira a diventare pediatra e dedicarsi alla cura dei piccoli.

Anche Rapahela Bohaeng Lukudo gareggia da 4 anni per l’Esercito: si allena nel centro sportivo della Cecchignola. È nata ad Aversa (Caserta) da genitori sudanesi ma – come ricorda il sito della Federazione italiana di Atletica leggera – “quando “Raffaella” aveva appena due anni, la famiglia si trasferì a Modena e nel 2011 per un paio di anni nei pressi di Londra, rientrando poi in Italia. Studia scienze motorie ma ha frequentato l’istituto d’arte, conservando la passione per disegno e foto”.

Per assurdo quella che ha suscitato una certa curiosità è stata proprio la più….italiana di tutte (almeno nel nome): Giancarla Dimich Trevisan. Il nonno era, infatti, puro friulano, di San Vito al Tagliamento, la nonna toscana di Lucca. Si erano trasferiti oltreoceano a Des Moines (Iowa) dove è nato il papà di “Gia”, architetto, che poi si è spostato in California del Sud per lavoro. Il primo sport di Giancarla è stato il calcio nel ruolo di attaccante, ma per un infortunio al ginocchio ha deciso di passare all’atletica. Ora vive a Los Angeles con il marito Corey Butler, sposato nel 2018. Ha studiato psicologia e management dello sport. Nel tempo libero ama dipingere ma senza trascurare (e come poteva essere diversamente nel mare per eccellenza dei surfisti?) il windsurf.

Ecco, in queste quattro maglie azzurre sono racchiusi un mondo e la nuova Italia pronte a regalare ancora sorrisi e soddisfazioni arcobaleno all’Atletica italiana.

Costantino Muscau
muskost@gmail.com