Congo-K uccisi 14 caschi blu, 5 militari congolesi, altri 54 feriti

Africa ExPress
Kinshasa, 8 dicembre 2017

Quattordici caschi blu della Missione dell’Organizzazione delle Nazioni unite per la stabilizzazione nella Repubblica democratica del Congo (MONUSCO) e cinque militari congolesi sono stati barbaramente ammazzati ieri sera durante un attacco alla base delle forze dell’ONU di Semuliki, nel territorio di Beni, nel nord Kivu. Probabilmente gli aggressori siano membri delle Forces démocratiques alliées (ADF).

Durante i violenti combattimenti sono stati feriti cinquantatrè caschi blu.  MONUSCO, nel suo comunicato sulla sua pagina ufficiale non ha rilasciato altri dettagli finora, nemmeno la nazionalità di soldati dell’ONU uccisi. Ma Gilbert Kambale, presidente di un gruppo di attivisti con sede a Beni, ha fatto sapere che sarebbero tutti di nazionalità tanzaniana1d5cb59d00cd4fad62d892ba0b4a26ea150eec6a.

Secondo Kambale, l’attacco è avvenuto a cinquanta chilometri a nord-est dalla città di Beni, sulla strada che porta verso il confine con l’Uganda, dove, nel mese di ottobre, hanno trovato la morte ben ventisei persone.

MONUSCO è attiva nel Congo-K dal 2010. Da allora sono morte ben novantatrè persone inquadrate nella missione: militari, forze di polizia e personale civile.

Caschi blu di MONUSCO
Caschi blu di MONUSCO

La situazione nella ex colonia belga peggiora di giorno in giorno. Le violenze si susseguono e la popolazione è costretta a fuggire. (http://www.africa-express.info/2017/12/06/congo-k-popolazione-fuga-dalle-violenza-e-il-governo-arruola-ex-ribelli/).

Africa ExPress

Please follow and like us:

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi