Ottantuno metri e mezzo, scoperto in Tanzania l’albero più alto dell’Africa

AfricaExPress
Dodoma, 21 dicembre 2016

I giganti delle foreste non vivono solamente in America e in Asia. Un team di ricercatori tedeschi ha  scoperto un albero della specie entandrophragma excelsum, appartenete alla famiglia delle meliacee, sulle pendici del Kilimangiaro, alto 81,5 metri.

Fino ad oggi era credenza comune che la vegetazione africana non potesse superare i sessantacinque metri d’altezza. Solo un eucalipto, importato in Sudafrica all’inizio del ventesimo secolo, aveva raggiunto ottantun metri, ma purtroppo era morto durante una tempesta nel 2006.

entandrophragma excelsum, l'albero più alto dell'Africa, in Tanzania
entandrophragma excelsum, l’albero più alto dell’Africa, in Tanzania

Andreas Hemp, biologo dell’università di Bayreuth, Germania, ha scarpinato per venticinque anni su e già per le più alte vette dell’intera Africa, e finalmente è riuscito far entrare anche questo continente nel libro dei record degli arbusti più alti. “Molte specie non vengono studiate bene qui, specialmente se sono fuori dagli hortspot della biodiversità”, ha spiegato Hemp.

La qualità di commercializzazione della specie entandrophragma excelsum è mediocre rispetto all’acacia o altre e ciò ha protetto in un certo qual modo questo gigante, che ha raggiunto un diametro di 2,5 metri .

I ricercatori tedeschi, grazie al loro inventario, sono riusciti a classificare ben tredici alberi che hanno superato i cinquanta metri d’altezza, mediante misurazioni effettuate con il laser. Il più alto tra questi arbusti ha raggiunto la considerevole altezza di 81,5 metri e sembra che abbia oltre seicento anni. Analizzando i risultati dei loro studi, i ricercatori credono che ci potrebbero stare un migliaio di giganti di questa specie su una superficie di sette chilometri quadrati, suddivise in diverse oasi di foreste.

Anche se l’albero dal tronco rosso-bruno, presente anche nel Congo-K e in Zambia non è stato classificato nella lista rossa dell’Unione internazionale della conservazione della natura (IUCN), Hemp ritiene urgente inserire le vallate dove cresce il gigante dell’Africa nel perimetro protetto del parco nazionale del Kilimangiaro. “Non farlo, si rischia di perdere i più alti alberi dell’Africa”, ha precisato Hemp.

Africa ExPress