Rapiti due italiani e un canadese nel sud della Libia

0
503
La mappa della Libia. Al confine con l'Algeria,verso il Niger si trova Ghat il villaggio dove sono stati rapiti gli italiani e il canadese

Africa ExPress
Tripoli, 19 settembre 2016 

Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni conferma di aver appreso oggi del rapimento di due cittadini italiani in Libia, precisamente a Ghat, nel sud-ovest della nostra ex-colonia, non lontano dal confine con il Niger e l’Algeria. Con loro è stato sequestrato anche un cittadino canadese. Bruno Cacace, Danilo Colengo e il loro collega canadese lavoravano per la CON.I.COS (Contratti Internazionali Costruzioni) di Mondovì, addetta alla manutenzione del piccolo aeroporto di Ghat. Secondo alcune informazioni non confermate nel 2011 i due dipendenti della CON.I.CONS siano stati rapiti e poi rilasciati.

passamontagna

I tre viaggiavano su un fuoristrada guidato da un autista quando il mezzo è stato fermato alle prime ore di questa mattina. Per ora non sono state avanzate rivendicazioni da nessun gruppo.

Nasce spontanea una domanda: dopo il rapimento dei quattro italiani lo scorso anno e la tragica fine di due di loro, Fausto Piano e Salvatore Fallia, ammazzati a Sabrata, cosa ci facevano i nostri connazionali in una Libia ormai fuori ogni controllo e quanti italiani si trovano ancora nella nostra ex-colonia, esposti a gravi pericoli?

La mappa della Libia. Al confine con l'Algeria,verso il Niger si trova Ghat il villaggio dove sono stati rapiti gli italiani e il canadese
La mappa della Libia. Al confine con l’Algeria,verso il Niger si trova Ghat il villaggio dove sono stati rapiti gli italiani e il canadese

A Misurata si mormora che Khalifa Haftar abbia ingaggiato moltissimi merceneri sub-sahariani, per lo più dal Ciad e ribelli dal Sudan. C’è chi sostiene che sia stato proprio Haftar ad aver creato l’ISIS. La gente di Misurata disprezza i sub sahariani. Haftar, invece, sostiene il contrario; secondo lui l’ISIS è composto da tutti gli estremisti, Misurata compresa.

Lo stinger di Africa Express pochi giorni fa ha riferito telefonicamente da Bengasi che attualmente  la maggior parte dei componenti dell’ISIS, compresi i mercenari sub sahariani, attiva nella nostra ex-colonia si sia spostata da Sirte verso il sud. I dubbi su questa versione comunque restano.

Africa ExPress

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here