La Corte Costituzionale sudafricana rigetta il ricorso di Oscar Pistorius

Speciale per Africa ExPress
Cornelia I. Toelgyes
Quartu Sant’Elena, 3 marzo 2016

Oscar Pistorius non può ricorrere in appello contro la sentenza di secondo grado, pronunciata all’inizio di dicembre dello scorso anno dal giudice Lorimer Leach, che lo ha condannato per omicidio volontario. (http://www.africa-express.info/2015/12/03/omicidio-volontario-e-non-colposo-ribaltata-la-sentenza-contro-oscar-pistorius/). Gli avvocati dell’atleta paraolimpico avevano presentato alla Corte Costituzionale ricorso contro tale sentenza lo scorso 11 gennaio.

Oscar Pistorius e Reewa

Pistorius aveva ucciso la fidanzata Reeva Steenkamp il giorno di San Valentino del 2013. L’atleta più veloce senza gambe ha sempre dichiarato di aver ammazzato l’amata per errore. Infatti il giudice di primo grado ha qualificato il gesto come omicidio volontario, infliggendogli una pena di cinque anni di carcere.

Il cancelliere della Corte Costituzionale ha fatto sapere tramite Luvuyo Mfaku, un portavoce delle autorità giudiziarie del Sudafrica, che Oscar Pistorius non può ricorrere in sede di Corte d’Appello. La Corte Costituzionale ha rigettato tale domanda, perché ha ritenuto che il processo di secondo grado si sia svolto correttamente, i diritti fondamentali dell’accusato non sarebbero stati lesi.

La stella dell’atletica si trova attualmente nella casa dello zio; è stato scarcerato su cauzione. Dovrà ripresentarsi in Tribunale il 18 aprile per la lettura della sentenza. La legge sudafricana prevede una condanna di quindici anni per il delitto di omicidio volontario.

Cornelia I. Toelgyes
corneliacit@hotmail.it
@cotoelgyes

 

Please follow and like us:

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi