Liberati tre eritrei in carcere per immigrazione clandestina in Kenya

Africa-Express
17 dicembre 2015

Sono stati liberati oggi i tre eritrei , Simone Ashmelash, Filmon Gebrezgabiner Gebregris e Fysha Abrha Redae, arrestati per immigrazione clandestina il 24 novembre in Kenya, mentre stavano attraversando il confine con l’Uganda.

Il giudizio di primo grado li aveva condannati al rimpatrio forzato, mentre con la sentenza di oggi, emessa dalla Cassazione, sono stati assolti perché il fatto non sussiste.
Il loro avvocato, Karen Nduva,  ha proposto appello a tale crudele sentenza il 2 dicembre, che è stato accolto in data odierna.

Tribunale
Anni fa i tre hanno attraversato il Sinai per cercare aiuto e protezione in Israele. Da tempo la politica dello Stato ebraico nei confronti dei profughi di origine subsahariana è più che discriminatoria: li considera  degli infiltrati e con tale accusa vengono arrestati per un tempo indeterminato. Spesso Israele li deporta in Paesi africani “amici”, con i quali ha stipulato delle convenzioni particolari (http://www.africa-express.info/2014/04/24/israele-un-inferno-per-profughi-africani-come-cadere-dalla-padella-nella-brace/).

Africa Express ha seguito la triste vicenda dal momento dell’arresto dei tre ( http://www.africa-express.info/2015/11/27/rischiano-di-essere-rimpatriati-i-patria-tre-giovani-eritrei-rifugiati-in-israele-sarebbe-morte-certa/ ).

Ieri sera un’attivista di un’organizzazione keniota per i diritti umani ha chiamato la redazione di Africa ExPress  e ci ha confermato il rilascio dei giovani, originari della nostra ex-colonia. Abbiamo sentito anche  uno di loro: “la fine di un incubo” ha esclamato.

Africa Express

 

 

Please follow and like us: