Assoluzioni in cambio di bustarelle, i video di un giornalista inchiodano 34 giudici in Ghana

Speciale per Africa ExPress
Cornelia I. Toelgyes
Quartu Sant’Elena, 13 settembre 2015

Il giornalista Anas Aremeyaw Anas ha investigato per oltre due anni, ha messo a disposizione ben cinquecento ore di viedeoregistrazioni che inchioderebbero trentaquattro giudici ghanesi: dodici dell’Alta Corte e ventidue ordinari. Il vice-procuratore generale, Dominic Ayine ,  ha garantito l’immunità al giornalista, mentre il giudice generale della Corte suprema, Georgina Theodora Wood, ha convocato i magistrati implicati.

[embedplusvideo height=”367″ width=”600″ editlink=”http://bit.ly/1Qcelle” standard=”http://www.youtube.com/v/a8Oj-mbMepE?fs=1&vq=hd720″ vars=”ytid=a8Oj-mbMepE&width=600&height=367&start=&stop=&rs=w&hd=1&autoplay=0&react=1&chapters=&notes=” id=”ep9589″ /]

Anas, giornalista e avvocato, durante le sue indagini, ha avvicinato i giudici, offrendo loro una bustarella in cambio dell’assoluzione del suo cliente. In alcune istanze Anas appariva come querelante e come tale offriva la tangente.

Dopo aver ottenuto l’immunità, il giornalista ha seguito un iter costituzionale, chiedendo sia al presidente che al giudice della Corte suprema di procedere con le indagini nei confronti dei trentaquattro giudici.

anas cose imam

Si è parlato spesso di giudici corrotti in Ghana, ma è sempre stato difficile dimostrare la loro colpevolezza. Questa volta si sono dovuti presentare alla commissione disciplinare che li ha sospesi immediatamente dai loro incarichi.

Quattordici dei ventidue giudici ordinari sospesi hanno espresso il loro disappunto in una lettera, evidenziando il fatto di essere stati sospesi prima di aver potuto replicare e che non è stata concessa loro l’opportunità di visionare i video che evidenzierebbero la loro colpevolezza. Uno dei ventidue giudici ordinari è stato riabilitato, è stato identificato erroneamente nel video.

Entro il 14 settembre 2015 ai giudici inquisiti è data la possibilità di rispondere per iscritto alle accuse; solo dopo aver esaminato le loro memorie, la Wood deciderà se aprire o meno un’inchiesta formale.

Cornelia I. Toelgyes
corneliacit@hotmail.it
@cotoelgyes

Anas Aremeyaw Anas è un famosissimo giornalista investigativo del Ghana nato alla fine del 1970 http://entertainment.myjoyonline.com/pages/news/201203/83636.php . La sua peculiarità è di mantenere rigorosamente l’anonimato, che considera uno strumento indispensabile per svolgere al meglio il suo lavoro di giornalista investigativo (pochissime persone hanno visto la sua faccia). “Smuggler, Forger, Writer, Spy”.

anas_aremeyaw_anas con in volto coperto

Specializzato in video documentari, Anas concentra le sue indagini su questioni di diritti umani e lotta alla corruzione in Ghana e in Africa sub-sahariana. Ha vinto diversi premi per la difesa del diritto a non essere tenuto in stato di schiavitù e di essere curato in caso di malattia.

 I suoi lavori hanno attirato l’attenzione anche del presidente americano Barack Obama che ha lodato le sue virtù in un discorso pubblico tenuto durante la sua visita nel 2009 in Ghana. Secondo Wikipedia Anas ha vinto oltre quattordici premi internazionali per il suo lavoro investigativo e, nel 20111, è stato segnalato come la quinta persona più influente del Ghana.

a.e.

Nelle foto Anas Aremeyaw Anas travestito da imam e con fronzoli davanti al viso per non mostrare mai la faccia

 

Please follow and like us:

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi