Somalia, viaggio dentro gli Shebab, addestramento militare, religioso e psicologico

Africa ExPress
31 maggio 2014
A fine dicembre il network televisivo britannico Channel 4 ha trasmesso un reportage da un campo shebab in Somalia e intervistato uno dei capi del gruppo terrorista legato ad Al Qaeda, lo sceicco Ali Dehre.

Lo riproponiamo ora su Africa ExPress perché è un documento eccezionale. Esistono infatti pochissime testimonianze sul movimento fondamentalista islamico che lotta contro il governo federale di Mogadiscio.

[embedplusvideo height=”400″ width=”520″ editlink=”http://bit.ly/1u0wJDu” standard=”http://www.youtube.com/v/enRVsBDz1oo?fs=1&vq=hd720″ vars=”ytid=enRVsBDz1oo&width=520&height=400&start=&stop=&rs=w&hd=1&autoplay=0&react=1&chapters=&notes=” id=”ep1133″ /]

Gli shebab (termine che in lingua araba vuol dire gioventù) nel settembre scorso hanno organizzato l’attacco al centro commerciale Westegate di Nairobi. Un assalto che ancora presenta aspetti misteriosi e mai chiariti. Non si è mai saputo, per esempio, quanti fossero i terroristi che hanno partecipato all’assalto. Sembra inverosimile il numero, quattro, fornito dalle fonti ufficiali.

A giudicare dalla mole di fuoco sembra proprio che fossero molti di più. Alcuni sarebbero scappati nei quattro giorni di occupazione terrorista.  E su questo, come si può ascoltare nell’intervista ad Ali Dehre di Channel 4, anche gli shebab mantengono uno stretto riserbo.

Il reportage è in inglese, ma assai comprendibile. E poi anche per chi non conosce la lingua, le immagine parlano da sole

Africa ExPress

Please follow and like us:

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi