Fotografa francese uccisa nella Repubblica Centrafricana. 13 bruciati vivi in un villaggio

Nostro Servizio Particolare
Cornelia I. Toelgyes
14 maggio 2014
La fotografa Camille Lepage aveva solo 26 anni, ed è stata brutalmente assassinata in Repubblica Centrafricana. Freelance affermata, collaborava con Agence Presse e lo studio Hans Lukas. Le sue fotografie sono state pubblicate dal New York Times,  Guardian, Le Monde, Sunday Times, Washington Post, Wall Street Journal, BBC . La sua base era a Juba, nel Sud-Sudan, secondo il suo sito internet.

Camille-Lepage 2In questi giorni si trovava a Bouar, nel nord-est del CAR, al confine con il Camerun, per un reportage. Alcuni uomini del contingente militare francese Sangaris ieri hanno trovato il suo corpo, in un’auto durante un normale pattugliamento tra Bouar e Garona Boulai. Il veicolo era guidato da uomini anti-balaka, la milizia cristiana e animista.  Le cause dell’omicidio sono ancora sconosciute. Il presidente Françoise Holland ha ordinato un’inchiesta e ha inviato nella sua ex colonia un team di investigatori per indicare sull’omicidio. 

Anche le altre notizie che giungono dal Centrafrica sono terribili. Dissikou, un villaggio della Regione Kaga Bandoro al centro del Paese, è stato attaccato sabato 10 maggio. Tredici abitanti sono stati bruciati vivi. I loro assassini li hanno portati in una casa. Una volta sbarrate le porte, hanno appiccato il fuoco. Un uomo che ha cercato di saltare fuori da una finestra e stato crivellato di pallottole. Per le persone non c’è stato scampo.  Il resto della gente è scappato disperato a Kaga-Bandoro, dove ha trovato rifugio nella cattedrale di Santa Teresa.

Camille-Lepage 3I sospetti sono immediatamente caduti sui miliziani musulmani ex-Séléka. Uno di loro è stato interrogato martedì dalla polizia ma ha sostento che da tempo i militanti del gruppo non si avventurano più in quella regione e ha puntato il dito contro i fulani, in grande maggioranza di fede islamica, pastori semi-nomadi che vivono nella zona, infuriati a morte, perché defraudati del loro bestiame dagli anti-balaka.

Dalla fine di aprile le regioni del nord e quelle centrali della ex-colonia francese hanno subito svariati attacchi. Diversi villaggi sono stati presi d’assalto da combattenti ex- Seléka. Il 28 aprile è stato attaccato anche l’ospedale gestito da Medici Senza Frontiere nella Regione di Nanga Bonguila: sono morte ventidue persone. Pochi giorni fa, sempre a Kaga-Bandoro  in scontri tra ex-Séléka e anti-balaka sono state uccise altre tredici persone, tra cui due civili. Tutta la popolazione è allo stremo. Non c’è cibo, si muore di fame, chi è ancora vivo è fortemente denutrito.

Camille-Lepage da le parisienneLe violenze sono scoppiate nel dicembre del 2012. Da allora è stata un’ecatombe: sono morti in migliaia. Duemilioniduecentomila persone (quasi la metà dell’intera popolazione del Paese) necessità di aiuti umanitari, oltre seicentocinquantamila sono sfollati e quasi trecentomila sono rifugiati nei paesi confinanti.

Domenica 11 maggio 2014, durante una sua visita a Daha, a venti chilometri dal confine con la Repubblica Centrafricana, il presidente del Ciad, Idriss Deby, ha annunciato  che i mille chilometri di frontiera che separano i due paesi sono stati chiusi. “Ho dovuto prendere queste misure – ha dichiarato Deby – per le incessanti violenze. Il confine potrà essere superato solamente da cittadini del Ciad che desiderano tornare a casa.  Poche settimane fa le truppe del Ciad, che facevano parte di MISCA (truppe dell’Unione Africana presenti in Centrafrica) sono state costrette a tornare a casa, perché accusate di aver  favorito i musulmani di ex-Séléka.

Con la chiusura della frontiera, il presidente del Ciad preclude una via di fuga ai cittadini del CAR. In altre parole, toglie loro la possibilità di salvarsi la vita. In passato, molti avevano cercato rifugio nel Paese, nei campi profughi, dove spesso giungevano dopo aver camminato per mesi, in condizioni psico-fisiche disastrose: denutriti, ammalati, con ferite da arma da fuoco.

Camille LepageChristian Mukosa,  ricercatore di Amnesty International responsabile che lavora nella zona, nel suo rapporto del 13 maggio 2014, ha criticato con forza l’azione del presidente Deby.

Intanto l’8 maggio è giunta a Bangui, capitale del CAR, la missione della Corte Penale Internazionale (CPI) per un’inchiesta preliminare per i crimini commessi nel Paese dal 2012, vale a dire dall’inizio della crisi. Coinvolti gli ex-Seleka (per lo più di religione musulmana) e gli anti-balaka (cristiani ed animisti). Entrambe le fazioni sono responsabili di violenze indescrivibili alla popolazione civile. Nemmeno le forze straniere (Sangaris e MISCA) sono finora riuscite a bloccare massacri, saccheggi, stupri.

Camille-Lepage 4A metà settembre, con un ritardo francamente inspiegabile, arriveranno i quasi dodicimila caschi blu. Il loro mandato è quello di sedare  le atrocità, anche, se necessario, con l’uso della forza. Il segretario generale dell’ONU Ban-Ki-moon, durante una sua visita lampo a Bangui all’inizio di aprile 2014, si è detto convinto – a ragione – che esista il reale pericolo di un genocidio, come avvenne vent’anni fa in Rwanda.

I cittadini, quando non possono più fare affidamento in chi li governa, perché lo Stato non è in grado di proteggerli, spesso si trovano di fronte ad una scelta terribile: o morire o fuggire. Dunque è evidente che il rifugiato non sceglie, il più delle volte non ha altra scelta, specie quando il rapporto di fiducia tra cittadino e governo viene a mancare.

Cornelia I. Toelgyes
corneliacit@hotmail.it
twitter @cotoelgyes

Nelle foto Camille Lepage e la pagina di un suoi reportage fotografico su Le Parisien Magazine

 

 

 

 

Please follow and like us:

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi