Published On: Thu, Nov 27th, 2014

Il Sudan chiede alle truppe dell’ONU: “Preparatevi a lasciare il Darfur”

Speciale per Africa ExPress
Cornelia I. Toelgyes
Quartu Sant’Elena, 27 novembre 2014

Il governo di Khartoum ha ordinato la chiusura immediata dell’ufficio per i Diritti umani di UNAMID (acronimo inglese per United Nations Africa union Mission in Darfur). Non sarebbe in linea con gli accordi firmati con il governo sudanese. UNAMID conferma di aver ricevuto una richiesta in tal senso da parte del governo sudanese il 23 novembre 2014. Nel febbraio scorso il Sudan aveva chiesto alla Croce Rossa di interrompere la sua attività nel Paese.

Dal canto suo UNAMID scrive sul suo sito web: “Il nostro ufficio per i diritti umani contribuisce a proteggere i civili , denunciando gli abusi. Il nostro compito consiste principalmente nel combattere la violenza contro le donne”.

soldati unIl governo sudanese vorrebbe addirittura che le truppe di UNAMID lasciassero il Darfur. Colloqui in questa direzione sono stati avviati tempo fa tra il segretario generale dell’ONU Ban Ki Moon e l’ambasciatore sudanese all’ONU. Il 27 agosto scorso la missione UNAMID è stata autorizzata dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU a prolungare il suo operato in Darfur per altri 10 mesi, cosa che il governo di Khartoum non ha gradito. Dopo lo stupro di massa sulle 200 ragazze verificatosi a Tabit (Sud Darfur) una decina di giorni fa, il sottosegretario agli esteri di Khartoum, Abdullah al-Azrag, ha chiesto ai responsabili di UNAMID di prepararsi a lasciare il Darfur.

Al-Azrag ha dichiarato: “Siamo in possesso di documenti che provano la colpevolezza di violenze attuate da membri del corpo di Pace;  noi non siamo mai potuti intervenire, perché sono protetti dall’immunità diplomatica. Conducono tutti una vita lussuosa e dal consistente budget messo a disposizione non è stato mai speso nulla per infrastrutture nel Darfur. In un memorandum ho chiesto di preparare un piano per il loro ritiro”.

Infine  al-Azreag ha precisato che il procuratore speciale per il Darfur (nominato dal governo) non ha trovato prove che le ragazze di Talbit siano state stuprate. “Ci sono delle organizzazioni che inducono le donne a rilasciare false testimonianze. C’è stata una telefonata in video-conferenza fatto da uno Stato confinante con le donne di Talbit”, ha aggiunto il sottosegretario.

Unamid in Darfur“La richiesta di lasciare il Paese non è una conseguenza dei fatti accaduti a Tabit; riteniamo che la presenza di UNAMID non sia più necessaria, ormai in Darfur vige una certa tranquillità e la popolazione non necessità più di protezione particolare”, ha evidenziato infine al-Azrag.

Il quartier generale di UNAMID conferma di aver ricevuto una richiesta verbale dal governo sudanese il 22 novembre 2014 di preparare un piano per lasciare gradualmente il Darfur.

Tale richiesta è stata inoltrata proprio pochi giorni dopo che il governo sudanese non ha autorizzato un secondo sopralluogo al corpo di pace nel villaggio di Talbit, dove è avvenuto lo stupro di massa il 9 novembre 2014, cui sono accusati soldati sudanesi. Secondo l’AFP, un rapporto interno di UNAMID spiega che soldati sudanesi avrebbero intimiditi gli abitanti del villaggio durante la loro vista il 9 novembre 2014.

Cornelia I. Toelgyes
corneliacit@hotmail.it
twitter: @cotoelgyes

Rate this post

This post has already been read 6121 times!

About the Author

- Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi

Displaying 1 Comments
Have Your Say
  1. […] le “libere e democratiche” elezioni nel suo Paese. Un despota che, alla fine dello scorso anno, ha chiesto ai caschi blu dell’ONU di lasciare il Darfur. Pochi giorni prima dell’apertura dei seggi elettorali sono stati arrestati e picchiati […]

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.