Scandali e partite truccate: la lista infame del calcio in Kenya con 15 sospesi

0
1051

Dal Nostro Inviato Speciale
Costantino Muscau
Nairobi, 17 gennaio 2023

Il trucco c’è e si vede. Sempre di più. Assieme all’atletica, anche il calcio in Kenya rivela vistose chiazze di inquinamento.

Kenyan flag in stadium field with soccer football

Se il mondo dei celebrati runners appare bacato dal doping, quello del pallone sembra infestato da un fenomeno che anche l’Italia ha avuto modo di ben conoscere: quello delle scommesse clandestine e delle partite truccate.

Nel 2020 la Federazione calcistica kenyana (FKF) sospese 4 giocatori e 5 arbitri perché coinvolti in una associazione a delinquere internazionale dedita a manipolare i risultati.

Entusiasmo delirante

Quello che è successo la settimana scorsa, però, è stato uno choc molto forte per il pianeta calcio del Kenya, che se anche non brilla sul piano internazionale, suscita però l’entusiasmo delirante delle folle, come si è visto durante gli ultimi Mondiali del Qatar.

Il calcio, infatti, è lo sport più seguito e praticato nel Paese. Per farsene un’idea basta farsi un giro, la domenica pomeriggio, nei dintorni di Nairobi e sulle creste che si affacciano alla spettacolare Rift Valley.

Bambini africani mentre giocano a calcio

In ogni spiazzo, decine e decine di giovani, anche scalzi, si sfidano a inseguire un pallone.

Mai qualificata

Eppure, nonostante la pratica diffusa e il tifo per il calcio internazionale,la selezione nazionale (gli Harambee Stars) dal 1974 non si è mai qualificata per un campionato del mondo e ha preso parte solo a 6 edizione della Coppa d’Africa, fermandosi al primo turno.
In questo fallimento, che i tifosi non meritano, un ruolo lo giocano sicuramente i numerosi scandali che hanno scosso la Federcalcio locale. Che ora usa il pugno di ferro.

Indagini segrete

La Federazione, infatti, al termine di indagini segrete e d’accordo con la FIFA (l’organizzazione calcistica mondiale), qualche giorno fa ha sospeso, precauzionalmente e provvisoriamente, 13 giocatori e 2 allenatori.
Ben 6 dei 15 “squalificati” (sia pure pro tempore) appartengono a una stessa stessa squadra, la “Zoo Fc”, di Kericho, (importante città nella Rift Valley). Secondo l’elenco ufficiale pubblicato sul sito della KFK, si tratta di Lucas Hamidu Kwizera, 28 anni, difensore; Johnstone Ligare, 42 anni; Daniel Kiptoo, 34 anni; Geoffrey Gichana, 42, e Brian Lumumba e Vincent Misikhu, (entrambi portieri di 27 anni).

La “Zoo Football club” sembra il ricettacolo della vergogna: nel maggio 2020 era stata retrocessa dalla Premier league (corrispondente alla nostra Serie A) e spedita in una serie inferiore. L’accusa: manipolazione delle partite. Sarà una coincidenza, ma molti altri atleti sospesi sono passati da Kericho, sede anche di un’altra compagine, il “Rovers FC”, dove gioca il trentacinquenne Dominic Ouma Okoth, a sua volta messo in castigo.

Altri penalizzati

Alla squadra “Silibwet Leon’s FC”, (dell’omonima cittadina a circa 220 km a ovest di Nairobi, non distante da Kericho) appartengono altri penalizzati: Sammy Sindani Sabiri, 32 anni, difensore, William Odunga, 38 anni, pure lui difensore, e Stanislaus Akiya Munyasa.

Solo tre, della “lista infame”, come l’ha chiamata un sito sportivo, sono gli atleti che militano nella massima categoria. Uno è Isaac Kipyegon, 34 anni, difensore, capitano del Tusker Football club, società di Nairobi campionessa in carica e prima in classifica.

L’altro, fra coloro che sono sospesi e che non potrà giocare fino a nuovo ordine, è un suo carissimo amico e un tempo compagno di squadra al Tusker: il centrocampista Mike Madoya, 33 anni, ora ingaggiato dal “Nairobi City Stars”.
Il terzo è Dennis Monda, 29 anni, del Vhiga United, squadra di Kakamega, centro urbano del Kenya settentrionale a 30 km a nord dell’ Equatore.

Allenatori nella rete

Gli allenatori finiti nella rete (un quotidiano locale ha parlato di racket) sono due: Du Monde Selena Mangili, già nazionale congolese, ex attaccante dello “Shabana (di Kisii, città sud occidentale del Kenya), ora capo tecnico del “Kericho Rovers”.
L’altro è Willis Ochieng Oganyo, 41 anni, ex portiere, ora allenatore dello Zetech University (un ateneo privato a circa 20 km dalla capitale). Quando era fra i pali e giocava in Finlandia, fu accusato di essersi venduto due partite per 50 mila euro.
“La sospensione dei 15 è stata presa – ha dichiarato Barry Otieno, segretario generale della FKF – per garantire l’integrità del campionato e delle Lega e in linea con la politica di tolleranza zero della Federazione nei confronti del fenomeno dilagante delle partite truccate”.

Linea dura

Ha proseguito Otieno: “Abbiamo diffidato tutti i tesserati della Federazione dall’avere ogni tipo di contatto sportivo con i 15 sospesi per la durata dell indagine”. Insomma, linea dura.
Non si sa quanto efficace e credibile, se solo si pensa che la dirigenza della Federazione a metà novembre 2021 era stata sconvolta da un’inchiesta per malversazione.
Lo stesso Otieno era finito in gattabuia per una notte.E non è un caso che il provvedimento sia stato preso nel momento in cui a Nairobi è giunta una delegazione della Fifa e della Caf (la confederazione africana di calcio) per valutare la possibilità di riammettere la nazionale alle qualificazioni della Coppa d’Africa. Il grande Paese africano, infatti, era stato escluso per 9 mesi dalle competizioni internazionali a causa di una serie di irregolarità.

Costantino Muscau
muskost@gmal.com
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Grande abbuffata del pallone in Marocco

Vuoi contattare Africa ExPress? Manda un messaggio WhatsApp con il tuo nome e la tua regione (o Paese) di residenza al numero +39 345 211 73 43 e ti richiameremo. Specifica se vuoi essere iscritto alla Mailing List di Africa Express per ricevere gratuitamente via whatsapp le news del nostro quotidiano online.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here