Senegal: rissa in Parlamento, volano insulti, spintoni e uno schiaffo a una deputata

0
1300

Africa ExPress
1° dicembre 2022

Oggi sono volati schiaffi e insulti nell’aula parlamentare del Senegal. Un deputato dell’opposizione, Massata Samb, del raggruppamento politico Parti de l’Unité et du Rassemblement, ha schiaffeggiato una parlamentare, la signora Amy Ndiaye Gniby, membro della coalizione al potere, Bennoo Bokk Yaakaar.

Rissa in Parlamento a Dakar, Senegal

Le legislative, che si sono tenute lo scorso luglio, non hanno premiato Macky Sall, presidente del Senegal, e la sua coalizione BBY, che questa volta si è aggiudicata appena 82 seggi su 165. Va comunque sottolineato che il Senegal ha un’alta presenza femminile in Parlamento: ben 73 donne hanno conquistato le prestigiose poltrone dell’aula dell’Assemblea nazionale.

La signora Amy Ndiaye Gniby dopo il ceffone in pieno viso, ha fatto in tempo a lanciare una sedia a Samb, prima che un altro deputato la facesse cadere a terra. Gniby è poi stata subito soccorsa dai suoi compagni di partito.

Anche altri parlamentari si sono poi scambiati pugni e insulti, insomma è scoppiata una vera rissa in aula. La scena, che ha fatto immediatamente il giro dei media e dei social network, è avvenuta durante la votazione del bilancio 2023 per il Ministero di Giustizia .

La seduta è stata sospesa mentre gli onorevoli hanno comunque continuato a scambiarsi schiaffi, colpi e insulti, una bagarre in piena regola.

Macky Sall, presidente del Senegal

Le tensioni tra politici al governo e all’opposizione sono cresciute dopo le elezioni legislative di luglio, quando il partito al governo ha perso la sua maggioranza. La coalizione al potere è stata danneggiata anche dal fatto che Sall non ha mai dichiarato apertamente di volersi ricandidare per un terzo mandato nel 2024. La Costituzione non prevede una terza ricandidature, dunque per raggiungere l’eventuale obiettivo, l’attuale presidente dovrebbe chiamare i cittadini alle urne per una riforma della legge fondamentale dello Stato.

Un’altra rissa è scoppiata già a settembre, quando il Parlamento si è riunito per la prima volta dopo le elezioni, per eleggere il presidente dell’Assemblea .

Giovedì  Samb si è rivolta all’assemblea, perché adirato per commenti  espressi  durante il fine settimana dalla Gniby, che ha criticato un leader spirituale, contrario a un eventuale terzo mandato di Sall.

Africa ExPress
@africexp
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Vuoi contattare Africa ExPress? Manda un messaggio SMS con il tuo nome e la tua regione (o Paese) di residenza al numero +39 345 211 73 43 e ti richiameremo. Specifica se vuoi essere iscritto alla Mailing List di Africa Express per ricevere gratuitamente via whatsapp le news del nostro quotidiano online.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here