Accordo tra Mauritania e Spagna per bloccare i migranti in fuga verso le Isole Canarie e l’Europa

2
1710

Africa ExPress
4 novembre 2022

Mauritania e Spagna hanno siglato mercoledì scorso a Nouakchott, capitale del Paese maghrebino, un accordo per frenare l’immigrazione. La ex colonia francese è un Paese di transito per migliaia di migranti che tentano di raggiungere la Spagna una delle porte d’entrata dell’Europa.

Migranti, rotta atlantica verso le Isole Canarie, Spagna

L’intesa è stata siglata dal ministro degli Interni di Nouakchott, Mohamed Ahmed Ould Mohamed, e il suo omologo del governo di Madrid, Fernando Grande-Marlaska, in visita nella capitale mauritana.

L’accordo prevede la fornitura di mezzi  logistici e apparecchiature tecniche nell’ambito della sicurezza, per far fronte alla lotta contro l’immigrazione “illegale”, il contrabbando e altri crimini organizzati.

Mezzi navali e aerei spagnoli per combattere l’immigrazione, si trovano già nel nord-ovest del Paese, a  Nouadhibou, città di pescatori e porto di partenza sulla costa atlantica per i migranti diretti in Europa. Seconde le cifre fornite dal ministero degli Interni spagnolo, dall’inizio dell’anno fino al 15 settembre 2022, 11.500 persone sono riuscite a raggiungere le Isole Canarie attraverso la rotta atlantica.

Lo scorso anno le forze di sicurezza mauritane hanno arrestato migliaia di migranti in partenza per l’Europa, in fuga da guerre, fame, cambiamenti climatici, in cerca di condizioni di vita migliori.

Africa ExPress
@africexp
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Vuoi contattare Africa ExPress? Manda un messaggio WhatsApp con il tuo nome e la tua regione (o Paese) di residenza al numero +39 345 211 73 43 e ti richiameremo. Specifica se vuoi essere iscritto alla Mailing List di Africa Express per ricevere gratuitamente via whatsapp le news del nostro quotidiano online.

2 COMMENTS

  1. Questi flussi umani, sono come un fiume in piena che straripa e fa i danni che nessuno vorrebbe( i mari enormi cimiteri).
    I flussi continueranno a crescere negli anni sempre più ( anche per le variazioni climatiche in corso) e l’EUROPA, da sola, non potrà essere mai in grado accogliere tutti gli arrivi.
    Solo con un aiuto economico in casa loro si potrà ridurre la ” macelleria umana “

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here