Per anni le armi dell’Ucraina hanno alimentato i conflitti africani: Kiev nel 2012 era il nono esportatore mondiale

0
2840

Africa ExPress
11 marzo 2022

Fino all’inizio della guerra, l’Ucraina è stata tra i maggiori esportatori di acciaio, di grano al mondo, la prima per l’olio di girasole. Ma non sono solamente i prodotti agricoli a averla portata in vetta alle classifiche  commerciali: il Paese nel 2012 si posizionava al nono  posto nell’export mondiale delle armi. Riforniva soprattutto l’Africa.

Fino ad allora una parte del materiale bellico era co-prodotto assieme alla Russia, ma Kiev ha interrotto i legami con Mosca dopo l’annessione della Crimea nel 2014. La nazione post-sovietica ha ereditato un’enorme fetta del complesso militare-industriale sovietico, come pure grandi professionisti per mantenerlo in funzione e dunque in grado di progettare sempre nuove e più sofisticati armamenti.

L’industria bellica è ancora molto fiorente nel Paese, oltre 100 fabbriche e impianti di produzione di armi sono riuniti in Ukroboronprom, un’associazione statale che impiega decine di migliaia di persone.

Le fabbriche associate a Ukroboronprom hanno realizzato carri armati e veicoli robotici, sistemi anticarro e di difesa aerea, munizioni ed esplosivi, e persino motori di astronavi. L’associazione brilla anche per corruzione. Gli scandali sono noti da anni.

Nel 2015-2016 la Ukrinmash, società con sede a Kiev, ha firmato contratti importanti con Burundi e Uganda per una commessa di anfibi blindati per un valore di 4,1 milioni di dollari.

Giovani congolesi imbracciano armi che vengono dall’arsenale ucraino

Peccato che gran parte di questi mezzi non sono stati prodotti in Ucraina, bensì in Polonia, Stato membro dell’Unione Europea e dunque soggetto a severe norme sull’export. Gli anfibi blindati sono stati acquistati nel Paese confinante, inviati in Ucraina smontati, dove sono poi stati assemblati.

Alcuni documenti hanno poi rivelato che 45 di questi mezzi sono stati poi inviati nei due Paesi africani attraverso gli Emirati Arabi Uniti.

Se oggi è la Russia a esportare il maggior numero di armi in Africa, in passato l’Ucraina non è stata da meno.

Secondo uno studio di SIPRI (Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma) di una decina di anni fa, è stata allora per anni tra i 10 maggiori esportatori di armi nel mondo.

Si stima che il 18 per cento delle esportazioni di armi ucraine nel periodo 2005-2009 sia stato destinato all’ Africa subsahariana, in particolare  Kenya, Sudan meridionale (allora ancora non indipendente), Ciad, Nigeria, Guinea Equatoriale e Repubblica Democratica del Congo. Il Paese aveva fornito aerei, carri armati, veicoli corazzati, artiglieria, SALW (acronimo inglese per Small Arms and Light Weapons, n.d.r.) e munizioni in eccedenza alle forze armate dell’Africa subsahariana.

Inoltre, società e personale ucraino hanno fornito altri servizi connessi ai trasferimenti di armi, hanno partecipato a missioni di combattimento per le forze armate africane.

Ora con la guerra in atto, e dopo vari tentativi da parte delle ambasciate ucraine sparse nel mondo di arruolare personale per la formazione di un contingente internazionale, composto da combattenti stranieri, volto a lottare insieme alla resistenza Paese contro gli invasori russi, le autorità di Kiev hanno richiamato in patria tutti loro militari impegnati in missioni di pace dell’ONU. Il presidente  Volodymyr Oleksandrovyč Zelens’kyj, ha firmato un decreto in tal senso quattro giorni fa.

Africa ExPress
@africexp
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Vuoi contattare Africa ExPress? Manda un messaggio WhatsApp con il tuo nome e la tua regione (o Paese) di residenza al numero +39 345 211 73 43 e ti richiameremo. Specifica se vuoi essere iscritto alla Mailing List di Africa Express per ricevere gratuitamente via whatsapp le news del nostro quotidiano online.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here