Esercitazioni congiunte Qatar-Italia in Puglia: rafforzata la partnership militare

Speciale per Africa ExPress
Antonio Mazzeo
18 ottobre 2020

I poligoni della Puglia utilizzati come una grande fiera dei più moderni sistemi di guerra prodotti in Italia e rafforzare contestualmente la partnership politica-militare con il controverso petro-emirato del Qatar. Il 15 ottobre scorso si è conclusa la maxi-esercitazione “Steel Storm” (Tempesta d’Accaio) che ha visto protagonisti gli uomini e i mezzi della Brigata Meccanizzata “Pinerolo” di stanza in Puglia e alcuni reparti dell’Esercito del Qatar.

Italia-Qatar, esercitazione Steel Storm 2020

I war games hanno avuto inizio il 4 ottobre e si sono svolti alla presenza dei massimi rappresentanti delle forze armate italiane (il Capo di Stato Maggiore della Difesa Enzo Vecciarelli; il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Salvatore Farina e il Comandante delle Forze Operative Sud, generale Giuseppenicola Tota) e dell’emirato (il Capo di Stato Maggiore della Difesa Ghanim Shaheen Al-Ghanim e il Comandante delle Forze Terrestri, generale Saeed Hesayen Mohammed Al-Khayarin).

“La complessa attività tattica ha avuto lo scopo di incrementare l’integrazione e l’interoperabilità tra le due forze armate”, ha dichiarato il portavoce del Ministero della Difesa italiano. “Le forze schierate hanno operato – sia in fase di pianificazione sia di condotta – in uno scenario warfighting (cioè di vero e proprio combattimento, NdA). L’addestramento congiunto ha permesso di innalzare il livello di conoscenza e la capacità di operare con i principali sistemi d’arma e di comando e controllo di cui la Brigata Pinerolo è dotata”.

Gli eventi conclusivi della grande esercitazione militare hanno visto il simultaneo dispiegamento delle forze dell’Esercito Italiano e del Qatar nei poligoni di Torre Veneri (Lecce) e Torre di Nebbia (Bari), distanti tra loro oltre 250 Km. I reparti sono stati impegnati nella condotta di esercitazioni a fuoco e nell’impiego dei nuovi sistemi C2 digitalizzati realizzati nell’ambito del cosiddetto Progetto 4.9 di Forza NEC (Network Enabled Capability) “per accrescere la proiettabilità, mobilità e interoperabilità dei mezzi tattici terrestri” e “incrementare in tutti gli scenari di combattimento le capacità di sopravvivenza, comando e controllo, mobilità e letalità delle forze d’élite dell’Esercito italiano”.

Promosso in ambito NATO, il Progetto innovativo di Forza NEC per la digitalizzazione condivisa delle informazioni, degli equipaggiamenti e delle piattaforme operative e logistiche comuni prevede una spesa di circa 22 miliardi di euro in 25 anni. La sua realizzazione è stata affidata in qualità di prime contractor a Selex Sistemi (oggi integrata in Leonardo-Finmeccanica), con il concorso delle più importanti aziende italiane del settore sicurezza e difesa.

Esercitazione Steel Storm Italia-Qatar

L’esercitazione bilaterale ha permesso di sperimentare sul campo anche i più sofisticati sistemi bellici recentemente acquistati dall’Esercito italiano e che in tanti auspicano di esportare al partner strategico qatarino. Le unità del 7° Reggimento Bersaglieri hanno impiegato, tra gli altri, il veicolo blindato medio “VBM Freccia”, sia in versione combat sia porta-mortaio da 120 mm; il veicolo blindato leggero “VBL Puma” per il trasporto truppe e il combattimento in “operazioni a bassa intensità”; le blindo armate “Centauro” (già vendute a Spagna e Oman); i carri armati “Ariete”. Inoltre sono stati schierati e integrati nella manovra assetti specialistici quali tiratori scelti e un Advanced Combat Reconaissance Team (ACRT) del Genio con i nuovi veicoli tattici multiruolo “VTMM Orso” equipaggiati con sensori e attrezzature per la ricerca e la rimozione di ordigni esplosivi improvvisati. Buona parte di queste piattaforme di guerra sono state progettate e/o prodotte in Italia dalle grandi industrie del comparto militare (Leonardo-Finmeccanica, Iveco, Oto Melara, ecc.).

Nel corso delle esercitazioni, l’Aviazione dell’Esercito ha pure utilizzato due elicotteri da esplorazione e scorta A129 “Mangusta” e due elicotteri multiruolo NH90;. Per la cronaca, 28 NH90 sono stati ordinati nel 2018 dal Governo del Qatar al consorzio costruttore composto da Airbus, Leonardo-Finmeccanica e Fokker, con una spesa per oltre tre miliardi di euro. Dulcis in fundo, un team italiano si è incaricato del pilotaggio a distanza del drone leggero RQ-11 “Raven”, acquistato negli Stati Uniti d’America dalla società AeroVironment Inc..

Un mese prima di Tempesta d’Acciaio  dal 6 al 10 settembre 2020 – una delegazione delle Forze Terrestri del Qatar, guidata ancora dal generale Saeed Hesayen Mohammed Al-Khayarin, era stata ospite in Italia dello Stato Maggiore della Difesa. Nell’occasione, i militari dell’emirato si erano recati in visita presso diversi Enti e Reparti dell’Esercito, assistendo in particolare ad una complessa esercitazione a fuoco della Scuola di Cavalleria e della Brigata Meccanizzata “Pinerolo” presso il poligono pugliese di Torre Veneri. La delegazione aveva poi visitato il Comando Artiglieria Controaerei di Sabaudia (Latina) e la città militare della Cecchignola (Roma) con il suo Centro di Eccellenza Counter IED per la lotta agli ordigni esplosivi improvvisati e il neocostituito Reparto Sicurezza Cibernetica.

Prima di concludere la missione in Italia, il generale Saeed Hesayen Mohammed Al-Khayarin e il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito italiano, generale Salvatore Farina, avevano siglato per conto dei rispettivi Ministeri della Difesa un Technical Arrangement concernente la “cooperazione nei settori dell’istruzione e dell’addestramento”. Con l’accordo sono state stabilite le norme generali sulla formazione del personale militare del Qatar “volte a sviluppare capacità di combattimento di fanteria, artiglieria e cavalleria”.

Gli eserciti di Italia e Qatar avevano svolto una prima maxi-esercitazione terrestre (NASR 19) nei mesi di settembre e ottobre 2019 nella zona desertica di Al Ghalail, a sud della capitale Doha. Ad essa avevano partecipato 800 militari della Brigata Bersaglieri “Garibaldi” con un centinaio di mezzi pesanti tra carri armati, blindati e cannoni. Secondo quanto dichiarato dal Ministero della Difesa, si è trattato del “più importante rischieramento di forze terrestri da combattimento italiane in Medio Oriente dal ritiro del contingente Antica Babilonia schierato in Iraq tra il 2003 e il 2006”.

Sempre a fine ottobre 2019, in Piemonte, nel comprensorio di Baudenasca (Pinerolo), gli Alpini del 3° Reggimento della brigata “Taurinense” e i genieri guastatori del 32° reggimento si addestravano ai combattimenti in alta quota unitamente a un centinaio di militari dell’esercito francese e dell’Emirato del Qatar.

Antonio Mazzeo
amazzeo61@gmail.com

Dal 2016 i carabinieri addestrano l’intelligence e la polizia segreta del Qatar

Si rafforza collaborazione militare Italia-Qatar: felice la nostra industria bellica

Nuovo atto della collaborazione Italia-Qatar: pronta in consegna nave militare

Vicedirettore di Africa Express, giornalista pubblicista, ha abitato in diversi Paesi africani tra cui Nigeria, Angola, Etiopia, Kenya. Cresciuta in Svizzera, parla correntemente oltre all'italiano, inglese, francese e tedesco.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: