Il ciadiano Moussa Faki nuovo presidente della Commissione dell’Unione Africana

ex ministro degli Esteri ciadiano,Moussa Faki Mahamt,eletto presidente della Commissione dell'UA
ex ministro degli Esteri ciadiano,Moussa Faki Mahamt,eletto presidente della Commissione dell’UA

Africa ExPress
Addis Ababa, 31 gennaio 2017

Il ciadiano, Moussa Faki Mahamat è il nuovo presidente della Commissione dell’Unione Africana. E’ stato eletto nella sede dell’UE ad Addis Ababa, la capitale dell’Etiopia, il 30 gennaio. Al settimo turno delle votazioni ha sconfitto i favoriti, la keniota Amina Mohamed e il senegalese Abdoulaye Bathily.

In lizza per la prestigiosa poltrona c’erano anche altri due candidati, il ministro degli Esteri del Botswana, Pelonomi Venson-Moitoi e l’equatoguineano Mba Mokuy.

Moussa Faki Mahamat ha cinquantasei anni ed è padre di cinque figli. Dal 2003 al 2005 ha ricoperto la carica di primo ministro del Ciad. E’ stato ministro degli affari Esteri del suo Paese dal 2008 fino a gennaio 2017. E’ tra l’altro un fedelissimo del presidente ciadiano, Idriss Déby Itno, che fino a ieri è stato anche presidente dell’UA, sostituito dal capo di Stato della Guinea, Alpha Condé.

Faki Mahamat succede a Nkosazana Dlamini-Zuma, ex moglie di Jacob Zuma, presidente del Sudafrica, che, come prima donna è stata alla guida dell’UA per quattro anni.

Il voto si è svolto a scrutinio segreto e vi hanno partecipato i cinquantaquattro Capi di Stato facenti parte dell’UA. Il candidato deve assicurarsi due terzi dei voti, ossia almeno trentasei consensi, per poter essere dichiarato vincitore.

Durante questo ventottesimo vertice è stato riammesso anche il Marocco, che aveva abbandonato l’Unione nel 1984 per protesta contro l’ammissione del Repubblica Democratica Araba dei Sahrawi. Dunque ora l’Unione Africana è composta da ben cinquantacinque Stati.

Africa ExPress

 

Please follow and like us:

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi