Ricompare Shekau: “Non sono morto e sono ancora il capo dei Boko Haram”

Speciale per Africa-ExPress
Cornelia I. Toelgyes
Quartu Sant’Elena, 16 agosto 2015

Essere dato per morto o addirittura destituito come leader di Boko Haram era difficile da digerire per uno come Ababukar Shekau. Infatti la sua risposta è arrivata proprio oggi, domenica 16 agosto 2015, in un messaggio audio di otto minuti, in lingua hausa.

Shekau respinge le affermazioni del presidente del Ciad, Idriss Deby, apostrofandolo come “tiranno” e “ipocrita”.

Shekau video-pic

“Tutti i media del mondo hanno diffuso la notizia che sarei ammalato, qualcuno addirittura che sarei morto. Comunque hanno avanzato l’ipotesi che sarei stato destituito, ho perso la mia influenza all’interno del gruppo, che sono incapace di gestire le questioni religiose. Ebbene tutto ciò è falso una grande bugia. Se fosse vero nessuno potrebbe ora ascoltare la mia voce”

“Sono grato ad Allah di essere vivo. Non morirò finché non sarà giunta la mia ora, stabilita da Allah”
SITE, un gruppo di esperti di intelligence, hanno verificato l’autenticità del messaggio, confermata anche da un corrispondente di AFP, esperto in questioni riguardanti i Boko Haram.

Cornelia I. Toelgyes
corneliacit@hotmail.it
@cotoelgyes

Please follow and like us:

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi