Uganda: riprende gli spettacoli il circo che insegna ai bambini facendoli divertire

Nostro Servizio Particolare
Cornelia i. Toelgyes
Quartu Sant’Elena, 8 agosto 2014
 “Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni.” Ecco lo slogan del Hiccup Circus di Namuwongo, Kampala, la capitale dell’Uganda. E’ un circo sociale, se  si trovano un po’ ovunque nel mondo, i cosiddetti Kasikonde. Africa-Express ne ha già parlato di loro, in particolare dell’importante attività che svolge in Uganda.

Immagine d'insiemeSi parla troppo poco dei bambini, non si fa abbastanza per loro, specie nel continente africano, così flagellato da guerre religiose, tribali, orrori inimmaginabili. Un bambino deve crescere felice, deve giocare, sognare, per essere in grado di assumersi le responsabilità di domani all’interno della società.

Hiccup Circus si occupa di loro dei giovani emarginati.  Li educa, facendoli divertire contemporaneamente. Si sa, l’arte circense richiede molta disciplina, self-control e non per ultimo, duro lavoro fisico e mentale, esercizio, coordinazione, generosità verso i compagni. Solo con questi ingredienti si può allestire uno spettacolo, degno di essere chiamato tale e accogliere commossi gli applausi sinceri del pubblico, quando lentamente scende il sipario.

Rufus al circoE domani, 9 agosto 2014 alle 16.30 la prima di un nuovo spettacolo del circo, intitolato “il desiderio di un cielo limpido”. Ospite d’onore sarà Aurora Morano della Piccola Scuola di Circo Milano.

Gli organizzatori hanno scelto un titolo che vuole trasmettere positività, bisogna credere che un mondo migliore sia possibile. Un cielo terso, senza le nuvole nere della guerra, della fame, della violenza.

Auguri dalla redazione di Africa Express e – vogliamo crederlo – da tutti i nostri lettori.

Cornelia I. Toelgyes
corneliacit@hotmail.it
twitter: @cotoelgyes

 

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi