Rapita da Boko Haram in Camerun la moglie del vicepremier

Massimo A. Alberizzi
27 luglio 2014
Chi credeva che in aprile, con il rapimento delle 300 ragazze nel nord della Nigeria (#bringbackourgirls) , Boko Haram avesse osato il massimo possibile, si è sbagliato. Oggi i militanti islamici hanno superato se stessi. Passato il confine con il Camerun hanno assalito la città settentrionale di Kolofata, di cui hanno preso il controllo, e attaccato la casa del vice primo ministro camerunense, Amadou Ali, rapito la moglie e ammazzato tre guardie. Il marito si è salvato per puro caso. Era fuori per il pasto serale, all’ora in cui si comincia a mangiare dopo la giornata di digiuno prevista dal ramadan, il mese santo in cui i musulmani osservano una stretta astinenza dall’alba al tramonto.

Miliziani e shekauIn un separato attacco è stato rapito un leader religioso che è anche sindaco della città, Seini Boukar Lamine, portato via dalla sua casa.

E’ stata una settimana tragica per la Nigeria e per il Camerun, i miliziani islamici si sono scontrati due volte da venerdì con le guardie di frontiera del Paese confinante. Quattro soldati sono stati uccisi. Nel nord della Nigeria, a Kano, oggi un terrorista ha lanciato alcune granate su un gruppo di fedeli che usciva da una chiesa, uccidendone cinque.

soldati camerunSempre a Kano una donna suicida si è fatta esplodere davanti a una caserma, ferendo cinque ufficiali che stavano uscendo dall’edificio. Tutti i festeggiamenti per la fine del Ramadan, la settimana prossima, sono stati annullati.

Qualche giorno fa un nutrito gruppo di terroristi ha assalito e preso il controllo dl Damboa, una città della Nigeria settentrionale, causando la fuga di almeno 15 mila la persone.

soldati camerun 2Il Camerun ha dislocato oltre 1000 soldati lungo la porosa frontiera con la Nigeria per bloccare le infiltrazioni di Boko Haram nel Paese. Negli ultimi mesi in quelle aree ci sono stati diversi sequestri. In maggio i miliziani hanno catturato 10 lavoratori cinesi. Poi una famiglia francese e alcuni religiosi, tra cui due italiani. Molti nigeriani che vivono al confine sono scappati in Camerun negli ultimi mesi per sfuggire agli attacchi di Boko Haram.

Venerdì la polizia camerunense ha messo in galera 20 sospetti militanti di Boko Haram trovati in possesso di armi, l’accusa è di voler organizzare un’insurrezione armata nel Paese.

Massimo A. Alberizzi
massimo.alberizzi@gmail.com
twitter @malberizzi
#bringbackourgirls

Please follow and like us:

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi