Ecco i nomi (e il video) di quattro terroristi che hanno assalito il Westgate

DAL NOSTRO INVIATO SPECIALE
Nairobi, 6 ottobre 2013
Quattro dei terroristi che hanno assalito il centro commerciale Westgate a Nairobi il 21 settembre scorso sono stati ripresi dalle telecamere a circuito chiuso. Il ministero della difesa keniota ha rilasciato un filmato in cui si vedono i quattro che si muovono in una stanza. Sembrano calmi e a loro agio. Assieme al video, sono stati rivelati i nomi degli assalitori: Abu Baara al-Sudani, Omar Nabhan, Khattab al-Kene e (di questo è stato fornito solo il nome) Umayr. Tutti, ha riferito la fonte, sono stati ammazzati.

Il video, corredato dai nomi, probabilmente è stato fornito per placare – almeno in parte – l’opinone pubblica e i media kenioti, delusi perché non ci sono notizie sull’attentato. E’ come se le due inchieste non stiano andando avanti e ciò che è stato rivelato finora sembra lacunoso e contraddittorio. Prima si parlava di una quindicina di terroristi, ora sembra siano sei, di cui quattro uccisi.

[embedplusvideo height=”200″ width=”360″ editlink=”http://bit.ly/19swlX6″ standard=”http://www.youtube.com/v/s8xj4n4m58c?fs=1″ vars=”ytid=s8xj4n4m58c&width=360&height=200&start=&stop=&rs=w&hd=0&autoplay=0&react=1&chapters=&notes=” id=”ep4347″ /]

I primi due nomi sono conosciuti ad Africa ExPress. Il primo è un sudanese da tempo inviato da Al Qaeda in Somalia. Durante i sei mesi in cui le corti islamiche hanno governato nell’ex colonia italiana, andava e veniva da Khartoum tornando a Mogadiscio con valige cariche di dollari. Al Qaeda l’aveva incaricato di tessere la rete dell’organizzazione, anche in previsione che le corti islamiche avessero perso il potere. Omar Nabhan è il nipote di Saleh Ali Saleh Nabhan, leader di Al Qaeda in Somalia ammazzato dagli americani con un blitz a Brava nel settembre 2009. Al Kene, ha detto un funzionario di polizia, è un somalo legato ad Al Qaeda. Suk quarto non ci sono dettagli.

I primi due, però non sono due militanti qualunque: uno è un leader e l’altro è il nipote di un leader, seppure morto. E’ possibile che si siano immolati per la causa islamica? Francamente appare improbabile e quindi prende corpo l’ipotesi, nonostante le assicurazioni ufficiali, che siano riusciti a fuggire.

Molte voci raccolte al Westagate, infatti avvalorano l’ipotesi che i capi dei tre commando che hanno assaltato il centro commerciale sono riusciti a scappare.

Consegnando il video ai giornalisti, il capo della polizia David Kimayo, ha negato che abbia fatto parte del commando al Westgate la britannica Samantha Lewthwaite, ricercata per legami con il terrorismo: “Non c’erano donne tra gli assalitori”, ha assicurato.

Massimo A. Alberizzi
massimo.alberizzi@gmail.com
twitter @malberizzi

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi