22.2 C
Nairobi
lunedì, Settembre 26, 2022

Genocidio in Tigray: la vergogna dell’indifferenza del mondo

EDITORIALE Massimo A. Alberizzi (Hanno collaborato diversi stringer in...

E’ nuovamente medaglia d’oro a Berlino per il keniota Eliud, il maratoneta superman

Dal Nostro Corrispondente Sportivo Costantino Muscau 25 settembre 2022 "Che...

In Centrafrica il tribunale boccia revisione della Costituzione, addio al terzo mandato di Touadéra

Speciale per Africa ExPress Cornelia I. Toelgyes 24 settembre...
Home Chimoio, Mozambico. Persone si affrettano ad attraversare un fiume per andare alla prima distribuzione di cibo più di due mesi dopo il ciclone. (Foto © courtesy Devon Cone, Refugees International) Chimoio, Mozambico. Persone si affrettano ad attraversare un fiume per andare alla prima distribuzione di cibo più di due mesi dopo il ciclone. (Foto © courtesy Devon Cone, Refugees International)

Chimoio, Mozambico. Persone si affrettano ad attraversare un fiume per andare alla prima distribuzione di cibo più di due mesi dopo il ciclone. (Foto © courtesy Devon Cone, Refugees International)

Chimoio, Mozambico. Persone si affrettano ad attraversare un fiume per andare alla prima distribuzione di cibo più di due mesi dopo il ciclone. (Foto © courtesy Devon Cone, Refugees International)

Chimoio, Mozambico. Persone si affrettano ad attraversare un fiume per andare alla prima distribuzione di cibo più di due mesi dopo il ciclone. (Foto © courtesy Devon Cone, Refugees International)

Copertina del report di Refugees International