Published On: Tue, Mar 27th, 2018

“Ha rubato milioni di dollari”: sotto accusa il figlio dell’ex presidente dell’Angola

Cornelia I. Toelgyes Rov 100Speciale per Africa ExPress
Cornelia I. Toelgyes
Quartu Sant’Elena, 27 marzo 2018

Il figlio dell’ex presidente dell’Angola, José Filomeno dos Santos, è indagato per appropriazione indebita. Nel 2013 il padre, Edoardo dos Santos aveva affidato al suo secondogenito la presidenza del fondo statale petrolifero, incarico che il nuovo presidente ed ex delfino del leader uscente, João Lourenço, gli ha tolto all’inizio dell’anno, dopo aver rimosso la primogenita Isabel già nel novembre 2017 da presidente della Sonangol, la compagnia petrolifera di Stato. (https://www.africa-express.info/2017/11/16/lourenco-il-nuovo-presidente-dellangola-silura-isabel-dos-santos/)

José Filomeno dos Santos

José Filomeno dos Santos

Ora José Filomeno è accusato di frode per aver autorizzato un versamento ritenuto sospetto e che si aggira sui cinquecento milioni di dollari, mentre era presidente del fondo statale petrolifero. E durante una conferenza stampa il procuratore generale aggiunto, Luis Benza Zanga, ha fatto sapere: “Dos Santos è indagato per frode, appropriazione indebita di fondi, traffico di influenze illecite, riciclaggio di denaro, associazione criminale”. “Degli stessi reati è stato accusato anche l’ex direttore della Banca centrale dell’Angola, Valter Filipe da Silva”, ha specificato il procuratore aggiunto.

La somma in questione era depositata presso la banca centrale di Luanda ed è stata versata su un conto di una delle succursali londinesi del Credito Svizzero nel settembre 2017, poco dopo l’insediamento del nuovo presidente Lorenço.

“Nessuna indulgenza”, ha dichiarato il procuratore generale aggiunto. I due indagati sono sotto sorveglianza giudiziaria e ad entrambi è stato ritirato il passaporto.

Eduardo Dos Santos, ex-presidente dell'Angola

Eduardo Dos Santos, ex-presidente dell’Angola

Le autorità britanniche avevano congelato i cinquecento milioni di dollarI perché sospettavano che dietro questa transazione ci fosse un illecito. Ora hanno fatto sapere all’Angola che il denaro è a disposizione del governo della ex colonia portoghese.

Solo poche settimane fa, Luanda aveva annunciato una sanatoria di sei mesi per far rientrare nel Paese capitali – miliardi e miliardi di dollari – trafugati all’estero. La decisione è stata presa durante il consiglio dei ministri il 7 febbraio scorso. Ovviamente l’appropriazione indebita di fondi pubblici non rientra nella sanatoria.

Cornelia I. Toelgyes
corneliacit@hotmail.it
@cotoelgyes

Rate this post

This post has already been read 1216 times!

About the Author

- Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.