La corte suprema della Mauritania ordina: “Scarcerate i due militanti antischiavisti”

Africa Express
Nouakchott, 18 maggio 2016

La Corte Suprema della Mauritania ha ordinato martedì scorso la scarcerazione immediata dei due militanti anti-schiavismo, Biram Dah Abeid e Brahim Ould Ramdane.

Nell’agosto del 2015, Amnetsy International aveva lanciato un appello per l rilascio immediato degli attivisti contro la schiavitù.

Biram Dah Abeid
Biram Dah Abeid

A Abdeid e Ramdane erano stati inflitti  due anni di detenzione dalla Corte d’Appello di Aleg  nel gennaio 2015, per appartenenza ad un’organizzazione non riconosciuta dal governo mauritano, assembramento non autorizzato, istigazione a manifestare e resistenza a pubblico ufficiale.

[embedplusvideo height=”339″ width=”550″ editlink=”http://bit.ly/25bT8U9″ standard=”http://www.youtube.com/v/uUg7gUn50vA?fs=1&vq=hd720″ vars=”ytid=uUg7gUn50vA&width=550&height=339&start=&stop=&rs=w&hd=1&autoplay=0&react=1&chapters=&notes=” id=”ep5427″ /]

Alioune Tine, direttore per l’Africa occidentale e centrale di Amnesty International, ha salutato favorevolmente la decisione della Corte suprema. Infatti  i delitti a loro ascritti sono punibili con un solo anno di detenzione, secondo la legge mauritana.

Tine ha sottolineato: “Questa nuova sentenza dovrebbe far riflettere le autorità del Paese: basta con l’inasprimento contro gli attivisti dei diritti umani, come per esempio il blogger Mohamed Mkhaïtir, detenuto perché ha espresso in modo pacifico la propria opinione”.

Africa ExPress

Please follow and like us:

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi