Burundi, continua la mattanza. Assassinato leader dell’opposizione

Speciale per Africa Express
Andrea Spinelli Barrile
Roma, 9 settembre 2015

E’ stato assassinato nella notte tra lunedì e martedì a Ghiosha, un sobborgo a nord della capitale del Burundi Bujumbura, con due colpi di arma da fuoco sparati da distanza ravvicinata, Patrice Gahungu, portavoce del partito di opposizione Unione per la Democrazia e la Pace (UDP).

Stava tornando a casa, proprio alle spalle degli uffici comunali di Ghiosha, quando alcuni aggressori ancora non identificati (più di uno, secondo RFI, uno solo, secondo la BBC) gli hanno sparato addosso: la sua auto è stata trovata “crivellata di colpi” (sei bossoli), spiega il vice direttore della Polizia Godefroid Bizimana interpellato da Jeune Afrique: “Secondo i primi elementi raccolti nelle indagini, gli uomini armati si sono nascosti nei pressi di casa sua prima di sparargli. Abbiamo trovato sei bossoli accanto al suo veicolo”, dice Bizimana, ricostruendo gli eventi come fossero un omicidio politico del quale si sarebbe macchiata la stessa opposizione: “Si era recentemente congratulato, pubblicamente, con il Presidente Nkurunziza per la sua rielezione, cosa che ha attirato l’ira dei suoi”, avrebbe riferito una fonte della polizia all’Agence France Presse.

Patrice Gahungu morto

Una versione che tuttavia non convince: l’omicidio di Gahungu (c’è chi la definisce “esecuzione”) non è molto diverso da quello di altri oppositori politici invisi a Pierre Nkurunziza. Zedi Feruzi, ex-leader di UDP, è stato ucciso il 23 maggio con modalità poco dissimili e sono centinaia i morti per le strade in seguito alle proteste che animano il Paese africano da aprile, da quando il (due volte) Presidente Nkurunziza ha annunciato la sua terza candidatura.

demo contro NkurunzizaSolo ieri i morti ammazzati da sicari, nella sola Bujumbura, sono stati tre, mentre sembra continuare nelle periferie una vera e propria mattanza, con il pretesto di stanare resistenti, oppositori e ribelli che vivono nei sobborghi. Chauvineau Mugwengezo, presidente onorario in esilio della UPD, ha dichiarato a Agence France Presse che è chiara la matrice del regime sull’omicidio del portavoce del partito: “Questo crimine efferato è parte di una serie di omicidi mirati, si vuole colpire tutti coloro i quali hanno osato dire che il suo terzo mandato [di Nkurunziza, nda] è illegale”, ha detto  Mugwengezo, che in passato è sfuggito a numerosi attentati contro la sua persona. L’UDP, un piccolo partito d’opposizione che si è rafforzato molto dopo aver raccolto tra le sue fila alcuni esponenti dissidenti del partito al potere, è stato particolarmente coinvolto nei mesi scorsi nelle proteste contro la ricandidatura e la rielezione del Presidente burundese.

Clemence Nsabiyimbona, vedova della vittima, ha confessato ai media burundesi la propria certezza sulla matrice politica dell’omicidio: “Mio marito ha recentemente ricevuto minacce da telefonate anonime. Ha continuato il suo lavoro ma sapeva che poteva morire presto”, ha assicurato la donna.

bambini armati

La vittoria delle elezioni da parte di Nkurunziza ha letteralmente infuocato il paese, inasprito molto la repressione e ripristinato quella latente propaganda hutu-power che rischia di gettare il Burundi in un inferno senza fine: decine di migliaia di persone, ma c’è chi parla di centinaia di migliaia, hanno già abbandonato il paese per il timore di ritrovarsi in una guerra civile senza scampo, e oggi affollano i campi profughi allestiti nei paesi vicini.

Un anno fa, il 7 settembre 2014, morivano trucidate le tre suore italiane Olga Raschietti, Lucia Pulici e Bernadetta Boggian nel convento di Kamenge, altro sobborgo di Bujumbura in queste ore letteralmente sotto l’assedio delle armi pesanti e dell’artiglieria delle forze governative: Christian Claude Butoyi, presunto omicida, resta chiuso in un manicomio ma le indagini si sono arenate e quei tragici eventi restano per ora insoluti.

Andrea Spinelli Barrile
spinellibarrile@gmail.com
Skype: djthorandre
twitter @spinellibarrile

Please follow and like us:

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi