Ebola, l’epidemia non è vinta e sta riprendendo il suo cammino di morte

Speciale per Africa ExPress
Cornelia I. Toelgyes
Quartu Sant’Elena, 9 febbraio 2015

All’inizio dell’anno sembrava che ebola avesse rallentato la sua folle corsa. Anche nei comunicati stampa dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) si poteva percepire un cauto ottimismo. Ban Ki -moon aveva specificato: “Non è ancora il tempo di cantare vittoria, ci sono ancora dei focolai attivi, specie in Sierra Leone. La strada è ancora lunga e tortuosa”. (http://www.africa-express.info/2015/01/22/ebola-rallenta-ma-la-paura-e-ancora-grande-picchiati-sangue-tre-preti-guinea/)

PRIGIONE 1 grossaNelle ultime settimane c’è stata una recrudescenza del virus killer, specie in Sierra Leone. In totale sono morte ufficialmente 9019 persone, mentre i contagiati ammontano a quasi 25.000. Certamente sia i morti che gli ammalati sono ben di più. Non tutti i casi vengono registrati. Ancora oggi alcune famiglie non accompagnano il congiunto in ospedale, non tutti i funerali (quelli tradizionali sono una notevole fonte di contagio) vengono eseguiti secondo il protocollo dell’OMS.

Secondo un rapporto dell’Organizzazione, 822 operatori sanitari sono stati infettati; per 488 l’esito della malattia è stato fatale.

tre scafandrati

Ora l’UNICEF lancia un ulteriore allarme: in Sierra Leone, Guinea e Liberia oltre 16.000 minori hanno perso uno o addirittura entrambi i genitori a causa dell’ebola. Solo il tre percento dei piccoli è stato portato  in un orfanotrofio;  gli altri sono stati accolti dalla famiglia allargata.

Combattere l’ebola ha un costo molto elevato. Il budget elaborato dall’ONU, solo per il 2015, si aggira attorno a 1,5 miliardi di dollari così suddivisi:

–        Identificare e segnalare alle autorità sanitarie le persone ammalate di ebola :  112 milioni (dollari)
–        Funerali sicuri                                                                                                                       37 milioni
–        Cura degli ammalati e controllo dell’infezione                                                            282 milioni
–        Supporto terapeutico per chi risponde alle cure                                                            19 milioni
–        Accesso al servizio sanitario di base                                                                               213 milioni
–        Garantire cibo sicuro                                                                                                         150 milioni
–        Investimento per la ripresa dell’economia                                                                       59 milioni
–        incentivi per i lavoratori                                                                                                      14 milioni
–        materiale e equipaggiamento                                                                                           139 milioni
–        mobilitazione sociale e impegno delle comunità locali                                                   94 milioni
–        prevenzione in altri Paesi                                                                                                     135 milioni
–        altro                                                                                                                                          274 milioni
Totale 1,5 miliardi

David Nabarro, inviato speciale dell’ONU per combattere l’ebola (United Nations Mission for Ebola Emergency Response, UNMEER) ha voluto precisare che questa è la cifra necessaria per portare i casi a zero nella prima metà del 2015. Inoltre sono necessari 67.000 operatori sanitari, tra personale locale e internazionale per estirpare l’epidemia che sta flagellando l’Africa occidentale da oltre un anno.

entrata ospedale

Durante un’intervista, John Ging, un alto funzionario dell’ONU e direttore operativo per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) è di ritorno da un recente viaggio nei tre Paesi maggiormente affetti dall’ebola. “In fin dei conti non c’è alcuna cura valida. Novemila persone sono decedute, oltre ventimila sono state contagiate, ma molte sono sopravvissute. Ciò che mi ha sorpreso è la risposta della comunità di fronte all’epidemia, come cercano di vincere la paura. Anche la comunità internazionale ha risposto ai nostri appelli, nessuno si è tirato indietro e questo è lodevole.   E sapete la cosa più bella che ho visto? Vedere giocare nuovamente i bambini insieme, all’aria aperta.  Nel villaggio di Meliandou nella prefettura di Guéckédou , nella Regione di Nzérékoré  in Guinea , erano tutti seduti in cerchio, controllati da un adulto” ha specificato Ging.

Cornelia I. Toelgyes
corneliacit@hotmail.it
@cotoelgyes

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi