Egitto, verrà rifatto il processo ai giornalisti di Al Jazeera (che restano in carcere) - Africa Express: notizie dal continente dimenticato lasix medicinale viagra quanto costa cialis mal di testa cialis quando prenderlo priligy 60 mg cialis libera vendita

Egitto, verrà rifatto il processo ai giornalisti di Al Jazeera (che restano in carcere)

Africa ExPress
Cairo, 1° gennaio 2015

La Corte Suprema egiziana ha accettato il ricorso dei giornalisti di Al Jazeera, condannati per complicità con i Fratelli musulmani, in galera da oltre un anno: saranno nuovamente processati. La notizia è stata data stamattina dagli avvocati difensori dei reporter. Ma i tre, Peter Greste, Mohamed Fahmy e Baher Mohamed, non saranno rilasciati finché non compariranno di nuovo davanti ai giudici che decideranno se potranno tornare in libertà o no, ha spiegato uno dei legali, Mostafa Nagy. La Suprema Corte infatti ha negato la possibilità di libertà su cauzione.

I tre in gabbia“La Corte di Cassazione ha accettato il nostro reclamo – ha spiegato Amr al-Deeb l’avvocato di Peter Greste dopo un’udienza di una mezzoretta –  e ordinato un nuovo processo”. “Baher, Peter and Mohammed – ha aggiunto un portavoce di Al Jazeera – sono stati condannati ingiustamente, non hanno mai collaborato con i Fratelli Musulmani. Le autorità del Cairo devono liberarli subito e non tirarla per le lunghe. Quest’ingiustizia sta creando gradi problemi di immagine all’Egitto.

Mohamed Fahmy, Baher Mohamed, Peter GresteGli avvocati sono ottimisti e sperano in un finale rapido e positivo, ma i fratelli di Peter Greste, Mike e Andrew, sono insoddisfatti: “Temiamo che i tempi per la loro liberazione si allunghino. Abbiamo molta strada da percorrere ancora”.

I tre giornalisti sono in prigione da 369 giorni accusati di essere complici con i Fratelli Musulmani, il gruppo antigovernativo di ispirazione islamica. Peter Greste e Mohamed Fahmy sono stati condannati a sette anni e Baher Mohamed a dieci, perché nella sua stanza la polizia ha trovato un proiettile esploso che il reporter aveva raccolto per terra durante le dimostrazioni di piazza.

Africa ExPress
#FreeAjStaff

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi