Kenya, sventato assalto di un commando in un romantico resort italiano: ucciso un ascari

Dal Nostro Corrispondente
Arturo Rufus
Nairobi, 27 dicembre 2014

Una gang di dieci uomini, travestiti da falsi poliziotti in pattugliamento, ha tentato di assalire un centro turistico nell’isola di Chale, a una decina di chilometri da Diani, popolare località turistica a sud di Mombasa.  Uno dei guardiani del resort, Cleophas Wanyonyi, è rimasto ucciso, un altro è riuscito a scappare e ha dato l’allarme facendo fallire l’attacco. Il Sands hotel è una bellissima struttura, situata in un luogo incantevole – piccolo e romantico – ed è frequentato soprattutto da turisti italiani. Anche la proprietà – sebbene non al cento per cento – è italiana e così il management. E’ situato su un’isola a 600 metri dalla costa. Durante la bassa marea, cioè due volte al giorno,  si raggiunge a piedi con l’acqua bassissima; con l’alta marea ci vuole una barca.

Chale IslandIl direttore dell’albergo, Mario Scianna, ha raccontato ai giornalisti kenioti che quattro degli assalitori, in uniforme della polizia, alle 10 di sera sono arrivati all’entrata dell’albergo sulla terraferma, dove c’è il posto di guardia, e hanno chiesto agli ascari un po’ d’acqua, sostenendo di essere di pattugliamento nella zona. Se ne sono quindi andati. Sono tornati poco dopo in dieci e hanno preteso di entrare nell’hotel per una normale operazione di controllo. Le sentinelle hanno risposto che nessuno li aveva informati e che non li avrebbero lasciati passare. Ne è sorta una lite finché uno degli assalitori ha sparato alla testa e ucciso Cleophas Wanyony, il cui corpo è scivolato nell’acqua e ritrovato solo all’alba. Il suo collega, Eliab Anabula, è riuscito a scappare e dileguarsi nell’oscurità, anche se è rimasto leggermente ferito da un proiettile sparato dai falsi poliziotti.

the-sands-at-chale-islandIl rumore degli spari ha messo in allarme le guardie di sicurezza all’interno dell’albergo, sull’isola. Hanno immediatamente dato l’allarme e chiamato la polizia, ha raccontato uno degli ospiti che poi ha informato Africa ExPress. Gli agenti, questa volta veri, sono arrivati immediatamente, ma gli assalitori avevano già fatto in tempo a fuggire.

trattoreScianna ha chiesto si rafforzare la sicurezza, cosa che gli è stata assicurata da Evans Achoki, il commissario della contea di Kwale, sotto la cui giurisdizione ricade l’isola. Achoki ha promesso che i responsabili saranno catturati presto. Al momento dell’attacco il resort era pieno al 60 per cento da ospiti kenioti e italiani.

L’isola di Chale è divisa in due parti, una dove sorge l’albergo The Sands, l’altra occupata da una riserva naturale con un’antica foresta sacra agli indigeni. Si dice sia popolata dagli spiriti. Forse sono stati proprio loro a salvare l’hotel italiano da un attacco che avrebbe potuto avere tragiche conseguenze.

Arturo Rufus
arturo.rufus7@gmail.com

Nella foto in alto l’isola di Chale, a metà un ponte naturale (da TripAdvisor) e in basso il trattore che trascina un carro con cui vengono trasportati i turisti dalla terra ferma al The Sands 

 

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi