Repubblica Centrafricana, un prete scrive “Islamici nigeriani e sudanesi autori del massacro di Bangui”

Speciale per Africa ExPress
Lettera di un sacerdote cattolico al vescovo
Bangui, 29 maggio 2014 (ore 11)

Caro Padre,
Stamattina abbiamo qualche dettaglio in più sull’esito dell’attentato di ieri, perché si tratta di un vero e proprio attentato, anche se i media internazionali si rifiutano di usare questo termine . Diciotto persone, tra cui un prete, sono morte sul luogo dell’attacco. Quarantadue sono state rapite dagli attaccanti che sono chiaramente estremisti islamici del Km 5 (un quartiere di Bangui, ndr), di cui abbiamo più volte denunciato la presenza tra i musulmani pacifici. Quaranta cadaveri dei quarantadue sequestrati, sono stati trovati questa mattina al rondò Koudoukou, nel rione del Km 5. Ciò porta il bilancio provvisorio a 58 morti .

miliziano punta mitraAlcune persone sono state colpite da pallottole vaganti nei quartieri circostanti mentre altri sono ricoverati in ospedale con gravi ferite. Si prevede quindi un bilancio ancora più grave. Un confratello sacerdote che era sul posto la sera dell’attentato, dopo l’attacco questa mattina al telefono, mi ha detto che ci dobbiamo aspettare un conteggio finale di almeno un centinaio di morti .

Giocando con l’equazione “anti- Balaka = milizia cristiana”, la stampa internazionale porta una grande responsabilità nell’attentato di Fatima .

Infatti, se si assimila l’anti- Balaka a una milizia cristiana, ogni crimine o malefatta commessi da queste milizie provocano una reazione di vendetta su altri cristiani, siano essi bambini o donne rifugiate in una chiesa .

fiamme di marco longariL’attentato di Fatima rientra nella stessa logica del rapimento del Vescovo di Bossangoa e di tre sacerdoti, l’assassinio di Padre Forman e il tentato sequestro di un altro sacerdote ad Alindao .

Si deve temere che atti criminali di questo genere continueranno in altre parrocchie di altre diocesi. Abbiamo sempre messo in guardia contro l’infausta e disonesta definizione degli anti- Balaka come una milizia cristiana. Non ci hanno ascoltato e queste sono le conseguenze .

bomba tra le gambeAnche se il governo fantoccio di Bangui e le forze internazionali fingono di ignorarlo, molti centrafricani sanno perfettamente che i terroristi jihadisti venuti dal Sudan e dalla Nigeria hanno infiltrato il gruppo Seleka e si sono stabiliti al km 5.

Accomunando gli anti- Balaka ai cristiani, i media occidentali hanno fornito a questi criminali manna dal cielo. Che si assumano ogni responsabilità chiamandoli come si meritano. Coloro che hanno attaccato la parrocchia di Fatima ieri non sono uomini armati sconosciuti come indicato da Radio France Internationale (RFI). No. Noi sappiamo chi sono e da dove sono venuti per attaccare.

Senza firma per motivi di sicurezza

La prima e la terza foto miliziani a Bangui, la seconda (di Marco Longari, Afp) barricate dopo il massacro di Fatima  

Please follow and like us:

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi