Nigeria, impianti petroliferi dell’Agip e della Shell attaccati dai miliziani del MEND

Massimo A. Alberizzi
27 marzo 2014
Alle 3 della notte scorsa guastatori subacquei del MEND (Movement for the Emancipation of the Niger Delta) hanno attaccato in Nigeria un oleodotto della Shell a Forcados, nella zona occidentale del delta del Niger. Lo stesso impianto era stato sabotato il 1° marzo scorso, con ingenti danni. L’assalto è stato annunciato dall’organizzazione impegnata a lottare per la ridistribuzione delle ricchezze petrolifere nigeriane, che oggi finiscono nelle tasche di poche famiglie.

Ribelli 2Secondo un comunicato del MEND inviato a Africa ExPress, i miliziani hanno distrutto i pezzi di pipeline che erano in riparazione. Africa ExPress non ha potuto verificate l’informazione con fonti indipendenti.

Il MEND ha anche rivendicato l’attacco il 20 marzo contro impianti petroliferi dell’Agip nel campo di Ikarama nello Stato di Bayelsa. In questo caso la notizia è stata verificata e risulta esatta ma non è stato possibile accertare la consistenza dei danni e se riguardano solo attrezzature o anche persone.

Il MEND nel delta del Niger qualche giorno fa aveva annunciato il lancio dell’Operazione “Hurricane Exodus”, con cui intende colpire gli interessi delle compagnie petrolifere nel sud della Nigeria.

Massimo A. Alberizzi
massimo.alberizzi@gmail.com
twitter @malberizzi

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi