Burkina Faso, arrestato il leader dei golpisti. Si era rifugiato nelle nunziatura apostolica

Africa ExPress
2 ottobre 2015

Il generale della guardia presidenziale del Burkina Faso, Gilbert Diendéré, è stato arrestato il 1° ottobre a e condotto in un commissariato di polizia di Ouagadougou.

Prima della sua cattura, Diendéré aveva trovato rifugio presso la rappresentanza diplomatica del Vaticano e per due giorni era stato ospitato da Monsignor Vito Rallo, nunzio apostolico per il Burkina Faso e il Niger.

In un breve comunicato, il primo ministro, Isaac Zida ha espresso soddisfazione per l’arresto del capo dei putschisti e ha spiegato: “Abbiamo bussato alla porta, abbiamo discusso e trattato. Diendéré sarà processato da un tribunale militare”.

Pattugliamento notturno

I beni e i conti bancari del capo dei golpisti e di altre tredici persone, sospettate di essere coinvolte nel putsch, sono già stati congelati la scorsa settimana.

Eppure è stato proprio questo anziano ufficiale del Régiment de sécurité présidentielle (RSP) a nominare Zida come capo del governo di transizione 11 mesi fa.

L’RSP è stato sciolto. Secondo alcune fonti dell’esercito lealista, si cercherà di recuperare i milletrecento soldati del corpo d’élite, che hanno eseguito gli ordini ricevuti:  hanno deposto le armi e abbandonato la caserma Naba Koom 2, nella capitale burkinabé. Tra ottocento e novecento ex pretoriani hanno già raggiunto il campo 1173, come è stato richiesto .

Africa ExPress

http://www.africa-express.info/2015/09/24/accordo-burkina-faso-golpisti-si-arrendono-ma-non-depongono-le-armi/

http://www.africa-express.info/2015/09/22/burkina-faso-si-tratta-ma-lesercito-da-un-ultimatum-ai-golpisti-arrendetevi/

http://www.africa-express.info/2015/09/18/colpo-di-stato-burkina-faso-saltano-le-elezioni/

http://www.africa-express.info/2015/09/20/scontri-tra-gruppi-opposti-burkina-faso-si-tratta-per-tornare-alla-democrazia/

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi