Ancora scontri tra islamici a Brava: uno dei massimi leader scappa a Harardere

Uno dei massimi ideologi dell’islamismo somalo, Shek Hassan Daheir Aweis, leader delle Corti Islamiche che hanno governato in pace la Somalia per 6 mesi nel 2006, ha lasciato il suo quartier generale di Brava, città costiera a 220 chilometri a sud  di Mogadiscio, dove si era rifugiato dopo la cacciata degli shebab dalla capitale  Mogadiscio nell’agosto del 2011.

Brava da un paio di settimane è teatro di violenti scontri tra differenti gruppi islamici.

Secondo le informazioni raccolte dallo stringer di Africa ExPress, il vecchio leader avrebbe perso parecchi uomini della sua milizia e soprattutto un numero imprecisato di tecniche, le camionette che sul cassone hanno montato una mitragliatrice pesante o un cannoncino.

Sempre secondo le stesse fonti, shek Hassan è fuggito con un barcone che l’avrebbe portato ad Harardere, un villaggio sulla costa a 500 chilometri a nord di Mogadiscio. Lì ha ottenuto la protezione del suo clan aer-habergidir. In un primo tempo sembrava che il battello fosse stato intercettato dall’UNISOM, la missione dell’Africa Union in Somalia, e che quindi fosse stato arrestato dal governo. A tarda sera con un twitter da Mogadiscio la notizia è stata smentita.

Pur essendo uno dei fondatori del fondamentalismo islamico mondiale e piazzato dagli americani nella lista dei terroristi, Shek Hassan Daher Aweis è sì un fondamentalista ma non ha mai accettato l’alleanza organica con Al Qaeda. A causa di questa sua posizione si è scontarto più volte con altri leader integralisti somali, come l’altro “Grande Vecchio” Hassan Turki.

Nel dicembre 2006, durante il sequestro di cui sono stato vittima a Mogadiscio da parte delle Corti Islamiche, shek Hassan garantì per me davanti a un gruppo di giovani shebab che intendevano farmi fuori: “Massimo è sotto la mia personale protezione”, sentenzio davanti alla shura, il parlamento islamico. Riuscì così a salvarmi la vita.

Massimo A. Alberizzi
Massimo.alberizzi@gmail.com
twitter @malberizzi

Please follow and like us:

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi