Il viaggio di Piero Pomponi: reportage in diretta

Piero Pomponi è un fotografo bravo ed esperto che ora abita a Kampala ma che conosce bene tutta l’Africa centrale. Partito qualche giorno fa dalla capitale ugandese sta raggiungendo con una motocarrozzetta Kinshasa, la capitale della Repubblica Democratica del Congo, l’ex Congo Belga.

Un viaggio logisticamente difficile ma anche assai pericoloso. Quella fascia di Africa è battuta da bande armate, gente senza scrupoli capace di accoltellare e ammazzare per un pacchetto di sigarette o una Coca Cola.

Piero è coraggioso e un po’ incosciente. Sicuramente se non lo fosse non avrebbe potuto vedere e fotografare quanto di spettacolare ha incontrato nelle sue strade africane e non solo.

Durante questo viaggio nel centro del “Cuore di Tenebra” ci manderà foto inedite che pubblicheremo di volta in volta su Africa Express. Queste sono le prime.

MaxAlb

 

“Caro Massimo,

comincio con l’inviarti le prime tre foto che sono il logo del viaggio, fatto da me, con la mappa della TRIPLE K, ovvero Kampala, Kisangani, Kinshasa e la moto-tricycle, che è una sorta di Ape non coperta, di una lunghezza complessiva, incluso il cassone di all’incirca 2 metri ed ottanta.

Il cassone mi permette di portare con me tutta l’attrezzatura video, fotografica, la zanzariera, un materassino, la benzina di scorta, i pezzi di ricambio e naturalmente tutto ciò utile affinché se casomai rimanga impantanato, possa uscire fuori dai guai.

La moto-tricycle Pioneer è un mezzo a 5 marce, provvista di retromarcia e tre ruote motrici per poter circolare nelle zone più impervie dato che, tra l’altro, è iniziata la stagione delle piogge.

Le provviste sono fatte da acqua, biscotti, pasta e latte, poichè il proposito del viaggio è quello di tracciare una mappa dove sono assenti le strutture sanitarie e quindi la fornitura di due elementi importanti: mkate na maziwa, ovvero  pane e latte.

Più tardi comincerò ad inviarti altre foto e se le connessioni lo permetteranno anche alcuni filmati.

Un abbraccio,

Piero 

http://www.pieropomponi.net/

 

 

VIAGGIO NELLA REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

 

 

[singlepic id=4 w=320 h=240 mode=watermark float=center]

[singlepic id=5 w=320 h=240 mode=watermark float=left]

[singlepic id=3 w=320 h=240 mode=watermark float=right]

[singlepic id=1 w=640 h=480 mode=watermark float=center]

Una foto “rubacchiata” al posto di frontiera di Kasindi, nella Repubblica Democratica del Congo, e unaseconda del luogo dove Piero Pomponi ha stabilito il campo base.

 [singlepic id=2 w=640 h=480 mode=watermark float=center]

Primo intoppo del viaggio: il nostro fotografo dovrà purtroppo fare ritorno a Beni, quasi alla frontiera con l’Uganda. Il generatore di scorta pesa troppo, e quindi conviene portarlo indietro e lasciarlo a Beni.

Dalla giungla congolese Piero manda un saluto a Laura Boldrini, la nuova presidente della camera dei deputati. “una donna che conosce bene l’Africa e i suoi problemi”.

 

[embedplusvideo height=”365″ width=”450″ standard=”http://www.youtube.com/v/mjJO4nAXcY4?fs=1″ vars=”ytid=mjJO4nAXcY4&width=450&height=365&start=&stop=&rs=w&hd=0&autoplay=0&react=1&chapters=&notes=” id=”ep9723″ /]

Piero, invitato in un villaggio dei pigmei Kalibo Mandigo, viene ricevuto con una danza rituale di benvenuto, nel pieno della giungla della Repubblica Democratica del Congo. Il campo base è poco vicino, a metà strada tra Beni e Kisangani, nella terra di nessuno.

PRIMO TENTATIVO DI RAGGIUNGERE KISANGANI

[embedplusvideo height=”281″ width=”450″ standard=”http://www.youtube.com/v/AwLr5oNMmtI?fs=1″ vars=”ytid=AwLr5oNMmtI&width=450&height=281&start=&stop=&rs=w&hd=0&autoplay=0&react=1&chapters=&notes=” id=”ep4421″ /]