Abiy Ahmed, il premio Nobel per la pace che ha spianato la strada alla guerra

Declan Walsh giornalista del Nel York Times, racconta la storia di come il primo ministro dell’Etiopia, Abiy Ahmed, ha vinto il prestigioso riconoscimento per aver fatto pace con l’Eritrea e poi ha usato l’alleanza per pianificare la guerra

Per gentile concessione del New York Times,
pubblichiamo questa dettagliata inchiesta
sulla genesi della guerra in Etiopia

Dal New York Times
Declan Walsh
Nairobi, 15 dicembre 2021

Incontri segreti con un dittatore. Movimenti clandestini di truppe. Mesi di tranquilla preparazione per una guerra che doveva essere rapida e senza sangue.

Nuove prove mostrano che il primo ministro dell’Etiopia, Abiy Ahmed, stava pianificando una campagna militare nella regione settentrionale del Tigray da mesi, prima che la guerra scoppiasse un anno fa, scatenando una cascata di distruzione e violenza etnica che ha inghiottito l’Etiopia, il secondo Paese più popoloso dell’Africa.

Abiy Ahmed, primo ministro dell’Etiopia e vincitore del Premio Nobel per la Pace 2019

Abiy Ahmed, un premio Nobel per la pace, visto di recente in uniforme al comando delle truppe sul fronte di battaglia, insiste che la guerra gli è stata imposta – che i combattenti di etnia tigrina hanno sparato i primi colpi nel novembre 2020 quando hanno attaccato una base militare federale nel Tigray, massacrando i soldati nei loro letti. Questo racconto è diventato un attestato di fede per Abiy e per i suoi sostenitori.

In effetti, la guerra è stata pianificata dal primo ministro e messa in moto ancor prima che nel 2019 gli fosse assegnato il Nobel per la pace che lo ha trasformato, per un periodo, in un’icona globale della nonviolenza.

Il premio Nobel gli è stato assegnato soprattutto grazie dall’improbabile accordo di pace che Abiy ha stretto con Isaias Afworki, il dittatore leader dell’Eritrea, pochi mesi dopo essere salito al potere nel 2018. Quel patto ha messo fine a due decenni di ostilità e guerra tra i rivali vicini e ha suscitato grandi speranze per la travagliata regione.

Invece, il Nobel ha incoraggiato Abiy Ahmed e Isaias Afeworki a disegnare segretamente un percorso di guerra contro i loro comuni nemici nel Tigray. Il racconto del disegno bellico è stato fatto da attuali e da ex funzionari etiopici che hanno parlato a condizione che sia tutelata la loro identità, per evitare rappresaglie o proteggere i membri della famiglia all’interno dell’Etiopia.

Nei mesi prima dello scoppio dei combattimenti nel novembre 2020, il signor Abiy ha spostato le truppe verso il Tigray e ha inviato aerei da carico militari in Eritrea. I suoi consiglieri e i suoi militari hanno discusso i dettagli di un conflitto programmato. Coloro che non erano d’accordo venivano licenziati, interrogati sotto la minaccia delle armi o costretti ad andarsene.

Ancora abbagliato dal Nobel di Abiy, l’Occidente ha ignorato questi segnali d’allarme, hanno spiegato i funzionari. Ma alla fine ha contribuito a spianare la strada alla guerra.

“Da quel giorno, Abiy ha sentito di essere una delle personalità più influenti del mondo – ha spiegato in un’intervista Gebremeskel Kassa, un ex alto funzionario dell’amministrazione etiopica  ora in esilio in Europa – . Sentiva di avere un sacco di sostegno internazionale, e che se fosse andato in guerra nel Tigray, non sarebbe successo nulla. E aveva ragione”.

La portavoce di Abiy Ahmed, il ministro dell’informazione dell’Eritrea e il comitato norvegese per il Nobel non hanno voluto rispondere alle domande che sono state poste per chiarire ciò che c’è scritto il questo articolo. per questo articolo.

La vittoria militare rapida e facile promessa da Abiy non si è verificata. I tigrini hanno sbaragliato le truppe etiopi e i loro alleati eritrei durante l’estate e il mese scorso sono arrivati a 160 miglia dalla capitale, Addis Abeba – spingendo il signor Abiy a dichiarare lo stato di emergenza.

Recentemente – ultima svolta in un conflitto già costato decine di migliaia di vite e ha spinto centinaia di migliaia di persone in condizioni simili alla carestia – le sorti sono virate a favore dei governativi che hanno riconquistato due città strategiche, catturate poco tempo fa dai tigrini.

Gli analisti sostengono che la trasformazione di Abiy, che da pacifista è diventato comandante sul campo di battaglia è un racconto ammonitore di come l’Occidente, alla disperata ricerca di un nuovo eroe in Africa, ha sbagliato in modo spettacolare la valutazione su di lui.

“L’Occidente deve rimediare ai suoi errori in Etiopia – ha detto Alex Rondos, ex diplomatico di punta dell’Unione Europea nel Corno d’Africa -. Ha dato giudizi sbagliati su Abiy e credito ad Isaias. Ora la questione è cercare di evitare che un paese di 110 milioni di persone si disfi”.

Il Comitato del Nobel corre un rischio

Accettando il premio Nobel per la pace nel dicembre 2019, Abiy, un ex soldato, ha dato fiato alla sua esperienza personale per descrivere eloquentemente gli orrori di un conflitto. “La guerra è l’epitome dell’inferno – aveva detto ad un pubblico distinto al municipio di Oslo – . Lo so perché ci sono stato e sono tornato”.

Abiy Ahmed, primo ministro etiopico a sinistra e Isaias Afeworki, presidente eritreo

Per i suoi ammiratori stranieri, l’impennata retorica era stata un’ulteriore prova di un leader eccezionale. Nei suoi primi mesi al potere in Etiopia, Abiy, allora 41enne, aveva liberato i prigionieri politici, tolto la censura alla stampa e promesso libere elezioni. Il suo accordo di pace con l’Eritrea, uno stato paria, è stato un abile colpo grosso politico per la regione del Corno d’Africa dilaniata dai conflitti.

Nonostante questi motivi, il comitato norvegese del Nobel, composto da cinque membri, sapeva che con la scelta di Abiy stava correndo un certo rischio, ha raccontato Henrik Urdal, dell’Istituto di ricerca sulla pace di Oslo, che analizza le decisioni della giuria.

Le ampie riforme di Abiy erano fragili e facilmente reversibili, ha aggiunto Urdal, e la pace con l’Eritrea era incentrata sul suo rapporto con Isaias, un autocrate spietato e incallito.

Abiy, ad Oslo, aveva definito il dittatore eritreo “Il mio partner e compagno di pace”.

Molti etiopi volevano anche credere nella promessa di Abiy. A una cena di gala per il nuovo primo ministro a Washington nel luglio 2018, il dottor Kontie Moussa, un etiope che vive in Svezia, aveva annunciato, tra gli applausi, che lo stava per candidare al premio Nobel per la pace.

Tornato in Svezia, il dottor Kontie ha convinto Anders Österberg, un parlamentare di un distretto popolare di Stoccolma con una grande popolazione di immigrati, a unirsi alla sua causa. Il signor Österberg è andato in Etiopia, ha incontrato Abiy ed è rimasto impressionato. Ha firmato i documenti per candidarlo al Nobel – una delle almeno due candidature che sostenevano Abiy.

Urdal ha raccontato che selezionando Abiy, il comitato del Nobel sperava di incoraggiarlo a proseguire sulla strada delle riforme democratiche. Anche allora, però, c’erano segnali che l’accordo di pace del non era tutto ciò che sembrava.

Secondo alcuni funzionari etiopici, suoi frutti iniziali, come i voli commerciali quotidiani tra i due Paesi e le frontiere riaperte, sono stati cancellati o stravolti nel giro di pochi mesi. I promessi patti commerciali non si sono materializzati, e c’è stata poca cooperazione concreta.

Hanno raccontato che le spie dell’Eritrea, tuttavia, hanno avuto via libera. L’intelligence etiopica ha potuto constatare un inusuale afflusso di agenti eritrei, alcuni arrivati come rifugiati: hanno raccolto informazioni sulle capacità militari dell’Etiopia. Gli eritrei – hanno sostenuto – sono particolarmente interessati al Tigray.

Isaias ha covato un lungo e amaro rancore contro il Fronte di Liberazione del Popolo del Tigray, che ha dominato l’Etiopia per quasi tre decenni fino a quando Abiy è salito al potere nel 2018. Ha accusato i leader del Tigray di aver scatenato la feroce guerra di confine del 1998-2000 tra l’Etiopia e l’Eritrea, una ex provincia dell’Etiopia, durante la quale sono state uccise fino a 100.000 persone. Li ha anche incolpati del doloroso isolamento internazionale dell’Eritrea, comprese le sanzioni delle Nazioni Unite.

La storia di Abiy Ahmed è più complicata. Ha servito nella coalizione di governo dominata dal TPLF per otto anni ed è stato nominato ministro nel 2015. Ma poiché è un oromo, il più grande gruppo etnico dell’Etiopia, alcuni suoi amici ed ex funzionari governativi sostengono, che  non si è mai sentito pienamente accettato dai tigrini e ha subito numerose umiliazioni.

Nel 2010 i tigrini hanno cacciato Abiy dal posto di capo di una potente agenzia di intelligence. Quando è arrivato al potere potere i tigrini erano ancora ancora doloranti per la loro estromissione, e lui li ha vissuti come la più grande minaccia alle sue fiorenti ambizioni.

Un capo spia tra i cantanti e i ballerini

I registri pubblici e le notizie diffuse in questi mesi, mostrano come Abiy e Isaias si sono incontrati almeno 14 volte dal momento in cui hanno firmato l’accordo di pace, fino allo scoppio della guerra.

Insolitamente, hanno raccontato due ex funzionari etiopici, gli incontri risono svolti per lo più senza testimoni, senza aiutanti o persone in grado di prendere appunti.

Secondo un ex funzionario, i due leader si sono  incontrati anche in segreto in almeno altre tre occasioni, Nel 2019 e 2020, il Isaias Afeworki è volato ad Addis Abeba senza preavviso. Alle autorità aeroportuali è stato ordinato di mantenere il silenzio, e un’auto senza contrassegni è andata a prenderlo e lo ha portato nel palato di Abiy.

In quel periodo, i funzionari eritrei hanno anche visitato regolarmente la regione Amhara, storicamente rivale del Tigray. Quando nel novembre 2018 il presidente eritreo ha visitato l’antica città amhara di Gondar, la folla è scesa in strada inneggiando al dittatore, scandendo: “Isaias, Isaias, Isaias!”

Parlando al World Economic Forum di Davos, in Svizzera, nel febbraio 2019, il signor Abiy ha sostenuto l’idea di una fusione tra Etiopia, Eritrea e Gibuti. L’ipotesi ha sgomentato i funzionari etiopi che lo hanno visto come direttamente suggerito da Afeworki.

I consiglieri etiopici hanno anche interpretato le osservazioni di Abiy come un’ulteriore prova del suo carattere impulsivo. Per questo motivo10 mesi dopo hanno deciso di cancellare la sua conferenza stampa subito dopo la cerimonia del Nobel a Oslo.

Visioni inconciliabili hanno portato alla guerra

Abiy ha visto i tigrini come una minaccia alla sua autorità – forse anche alla sua vita – sin dai suoi primi giorni al potere.

Questi avrebbero preferito un altro candidato come primo ministro. Un conoscente di Abiy ha raccontato che il primo ministro temeva che i funzionari della sicurezza tigrina stessero cercando di assassinarlo,

Nella residenza del primo ministro, i soldati hanno ricevuto l’ordine di stare sempre di guardia. Abiy ha eliminato dalla sua scorta gli elementi tigrini e ha creato la Guardia Repubblicana, un’unità selezionata a mano sotto il suo diretto controllo, addestrata negli Emirati Arabi Uniti, un nuovo potente alleato anche vicino ad Isaias Afeworki.

L’inspiegabile omicidio del capo militare etiope, il generale Seare Mekonnen, di etnia tigrina, ucciso da una guardia del corpo nel giugno 2019, ha aumentato le tensioni.

La spaccatura con i tigrini è stata determinata, tra l’altro,  da profonde differenze politiche. A poche settimane dalla creazione della GuardiaPresidenziale, il Nobel, Abiy ha fondato il Partito della Prosperità, che incarnava la sua visione di un governo forte e centralizzato.

Ma questa visione era una bestemmia per i milioni di etiopi che desideravano una maggiore autonomia regionale, in particolare i tigrini e i membri del suo stesso gruppo etnico, gli Oromo.

Rappresentando circa un terzo dei 110 milioni di persone del paese, gli Oromo si sono sentiti a lungo esclusi dal potere. Molti speravano che l’ascesa di Abiy avrebbe cambiato le cose.

Ma il Partito della Prosperità ha soddisfatto le ambizioni di Abiy, non le loro, e alla fine del 2019 violenti scontri tra agenti di polizia e manifestanti sono scoppiati in tutta la regione di Oromia, culminando nella morte nel giugno 2020 di un popolare cantante.

Questo sfondo tumultuoso, ha accelerato lo scivolamento verso la guerra.

Un alto funzionario etiope ha raccontato che aerei da carico militari etiopici hanno cominciato a fare voli clandestini di notte verso le basi in Eritrea.

Gli aiutanti più importanti di Abiy e gli alti gradi militari hanno discusso in privato i dettagli dell’imminente guerra nel Tigray. M c’era qualcuno che dissentiva, come il capo dell’esercito, il generale Adem Mohammed.

A quel punto anche i tigrini si stavano preparando alla guerra, cercando alleati nel Comando Nord, e nel Tigray done ha sede la più potente unità militare etiopica.

A settembre i tigrini hanno tenuto le previste elezione regionali, in aperta sfida a un ordine di Abiy che le aveva sospese. Aboy ha spostato le truppe dalle regioni Somalia e Oromia verso il Tigray.

In una videoconferenza a metà ottobre, Abiy ha annunciato ai funzionari del partito di governo che sarebbe intervenuto militarmente nel Tigray, e che ci sarebbero voluti solo tre o cinque giorni per eliminare i leader della regione, ha raccontato Gebremeskel, un ex alto funzionario ora in esilio.

Il 2 novembre, il capo della politica estera dell’Unione Europea, Josep Borrell Fontelles, ha pubblicamente fatto appello ad entrambe le parti per fermare “gli schieramenti militari provocatori”. La sera successiva, le forze del Tigrai hanno attaccato una base militare etiope, chiamandolo un attacco preventivo.

I soldati eritrei sono entrati nel Tigray dal nord. Le forze speciali Amhara sono arrivate da sud. Abiy ha licenziato il generale Adem e ha annunciato una “operazione militare per applicare la legge” nel Tigray.

In Etiopia la rovinosa guerra civile era in corso.

Declan Walsh

*Le foto sono prese dall’articolo originale pubblicato da New York Times 

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi