Con la presidenza SADC il Mozambico deve giocare tutte le sue carte per convincere i 16 Paesi membri ad intervenire fermare il terrorismo islamista

sandro_pintus_francobolloSpeciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
Firenze, 22 agosto 2020

“Il Vertice accoglie la richiesta del Mozambico nel porre l’attenzione della SADC  sui violenti attacchi che lo hanno preso di mira. Esprime solidarietà e si impegna a sostenere il Mozambico nella lotta al terrorismo e condanna gli attacchi armati”. Queste righe sono apparse nel documento finale del 40° Vertice della Comunità di Sviluppo dell’Africa Australe  (SADC).

Mappa degli Stati membri SADC dal 1980 ad oggi
Mappa degli Stati membri SADC dal 1980 ad oggi

Alla presidenza SADC è il turno del Mozambico

L’ultimo summit ordinario della Comunità che rappresenta 16 Paesi dell’Africa Australe si è tenuto a Maputo ed è terminato il 17 agosto. Il meeting è stato inaugurato dal capo dello stato mozambicano, Filipe Nyusi che avrà la presidenza di turno per un anno. Un vertice virtuale, con pochi rappresentanti ‘de visu’ e la maggioranza in videoconferenza, a causa del Covid-19 ma occasione unica per i problemi del Mozambico.

Filipe Nyusi, presidente del Mozambico, durante la cerimonia di insediamento alla presidenza di turno del 40° summit SADC
Filipe Nyusi, presidente del Mozambico, durante la cerimonia di insediamento alla presidenza di turno del 40° summit SADC

Problemi che, a Cabo Delgado, provincia settentrionale del Paese negli ultimi due anni sono andati peggiorando per i continui attacchi di gruppi jihadisti. Ora, con la presidenza SADC, l’ex colonia portoghese avrà l’occasione per cercare di convincere le 16 Nazioni che ne fanno parte a prendere decisioni concrete. Il Centro per la Democrazia e lo Sviluppo (CDD), che rappresenta parte della società civile, pensando alla presidenza SADC del Mozambico fa alcune domande. Sia al governo mozambicano che anche alla Comunità dei sedici.

Le domande della società civile mozambicana alla SADC

Come il Mozambico trarrà vantaggio dalla sua presidenza SADC per mobilitare il sostegno dei Paesi membri nella lotta contro la violenza armata a Cabo Delgado? Quali strategie ha la presidenza SADC per esercitare una maggiore pressione per evitare che il terrorismo nel nord del Mozambico contagi i Paesi vicini? Che valore aggiunto avrà la presidenza SADC del Mozambico nell’organizzazione regionale per la lotta contro il terrorismo? Che tipo di appoggio possono offrire al Mozambico i Paesi SADC nella lotta contro l’estremismo violento? Domande non facili che devono andare oltre la mera solidarietà espressa fino ad oggi. In pratica occorrono aiuti economici per la popolazione in fuga dalla guerra e aiuti militari per sconfiggere la violenza jihadista.

40a conferenza SADC a Maputo, Mozambico
Panoramica del 40°summit SADC a Maputo, Mozambico

Nyusi, aveva richiesto un summit straordinario con la troika SADC, organo della Politica per la difesa e la sicurezza dei 16 Paesi membri. L’incontro si è tenuto il 19 maggio scorso ad Harare, in Zimbabwe, dove il presidente mozambicano ha illustrato la grave situazione di Cabo Delgado. La posizione presa dalla troika, è stata piuttosto tiepida.

La battaglia di Mocimboa da Praia e la telefonata del Papa

Intanto, a Cabo Delgado, le Forze di difesa mozambicane combattono ancora per liberare Mocimboa da Praia e il porto, strategico per i giacimenti di gas. Sessanta chilometri a nord si trovano gli impianti di ENI, ExxonMobil e Total difesi militarmente. La violenza jihadista dei gruppi di Al Sunna wa-Jama, ora affiliata all’ISIS, ha portato morte e distruzione. Dall’ottobre 2017, secondo dati dell’ong ACLED, ci sono stati oltre 1.300 morti e 250 mila sfollati, in continuo aumento.

Profughi in fuga dai combattimenti a Cabo Delgado, nord del Mozambico SADC
Profughi in fuga dai combattimenti a Cabo Delgado, nord del Mozambico

La maggior parte di questi si sono spostati intorno a Pemba, capoluogo della provincia. Anche Papa Francesco, preoccupato per la situazione di Cabo Delgado, ha telefonato – a sorpresa – il vescovo di Pemba, Luiz Fernando Lisboa. ”Seguo gli eventi della vostra provincia con grande preoccupazione” – ha detto il pontefice. “Non esitate a chiedere se c’è qualcos’altro che posso fare”. Anche una telefonata del Papa più essere utile a portare la grave situazione di Cabo Delgado sotto i riflettori dei media a livello internazionale.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin

Il mercenario Dyck: “Fermiamo jihadismo in Mozambico o colpirà l’intera regione”

Isis minaccia il Sudafrica: “Se aiutate il Mozambico veniamo da voi”

Aumento del terrorismo jihadista nel nord del Mozambico preoccupa i Paesi SADC

Mozambico: chiamata alle armi anti-jihadista, ExxonMobil e Total chiedono più militari

Mozambico, contrabbando di rubini e avorio dietro i capi jihadisti di Cabo Delgado

Mozambico, violenza jihadista: 1300 morti e 250mila sfollati, e l’esercito chiede il pizzo

Contro il jihadismo in Mozambico mercenari russi a Cabo Delgado

Mozambico: attacco jihadista, decapitati 20 militari mozambicani e 7 mercenari russi

Giornalista pubblicista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90, in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.