OMS: in Africa Covid-19 accelera, registrati 200mila casi e 5.600 decessi

Sono 7,7 milioni i contagi globali da Coronavirus e in Africa i numeri sono ancora bassi in crescita esponenziale. L’ OMS avverte che il virus si espande molto rapidamente

sandro_pintus_francobolloSpeciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
Firenze, 15 giugno 2020

Secondo il database dell’OMS-WHO i contagi confermati da Coronavirus, in Africa, l’11 giugno hanno raggiunto i 200 mila e 5.600 morti. Numeri bassi in confronto ai 7,7 milioni globali. E agli oltre 2 milioni degli Stati Uniti e 2,4 milioni dell’Europa con le decine di migliaia di morti USA e Occidente. Ma l’Organizzazione Mondiale della Sanità avvisa che il virus sta accelerando in modo preoccupante.

Mappa dell'Africa con Covid -19 aggiornata al 14/06/2020 (Courtesy OMS - WHO)
Mappa dell’Africa con Covid -19 aggiornata al 14/06/2020 (Courtesy OMS – WHO)

La pandemia sta accelerando

L’Africa per il momento è in fondo alla lista ma c’è preoccupazione e l’ultimo comunicato ufficiale parla chiaro. “La pandemia sta accelerando: ci sono voluti 98 giorni per raggiungere 100 mila casi e solo 19 giorni per passare a 200 mila”.

Dei 54 del continente sono cinque i Paesi  con più morti: Algeria, Egitto, Nigeria, Sudafrica e Sudan. Tre di questi guidano la triste classifica: Sudafrica (1.424 e 65.736 casi), Egitto (1.484 morti e 42.980 casi) e Nigeria (399 morti e 15.181 casi). Questi tre Paesi hanno il 70 per cento del totale.

I tre maggiori Paesi africani colpiti da Covid-19: Sudafrica, Egitto e Nigeria
I tre maggiori Paesi africani colpiti da Covid-19: Sudafrica, Egitto e Nigeria

Sudafrica Paese maggiormente colpito

Il numero più alto di decessi si sta registrando in Sudafrica che, nel momento in cui scriviamo ha il 25 per cento del totale nel continente africano. L’area più colpita sono due province del Capo: Western Cape, più densamente popolato dove si trova Città del Capo, e Eastern Cape. Qui vengono segnalati aumenti quotidiani di contagi e di defunti arrivati fino a 1.200 al giorno.

“Il ritmo della diffusione sta accelerando” – ha affermato Matshidiso Moeti, direttore regionale per l’Africa dell’OMS. “Un’azione rapida e tempestiva dei Paesi africani ha contribuito a mantenere bassi i numeri, ma è necessaria una vigilanza costante. Senza questa attenzione il Coronavirus rischia di distruggere le strutture sanitarie esistenti”.

L’esperienza di Ebola ha aiutato a contenere i contagi

Rimane comunque il dubbio che i conteggi ufficiali non siano numeri reali. C’è chi pensa che l’epidemia sia più attenuata data la percentuale maggiore di popolazione giovane africana. Altri affermano che il continente si è mosso rapidamente grazie all’esperienza di Ebola nell’Africa occidentale e centrale. Ciò ha permesso di stabilire misure di screening più precise del “punto di ingresso” epidemico.

Moeti ha affermato che arriva un numero inferiore di viaggiatori internazionali fatto che ha reso più difficile la diffusione del virus. Ci sono anche le reazioni rapide da parte dei leader africani che potrebbero aver contribuito a ridurre il numero dei contagi.

Ragazzine venditrici di strada
Ragazzine venditrici di strada in Africa

Lockdown difficile in economia di sussistenza

Purtroppo non è facile decidere un lockdown in Paesi con povertà estrema. Oltre che impossibile fermare tutta la popolazione delle metropoli, è ancora più difficile chiudere le aree decentrate. Con un ipotetico blocco totale si toglie alla popolazione la possibilità di guadagnare quotidianamente il minimo per poter nutrire la famiglia. La maggior parte della gente sopravvive vendendo qualcosa per strada, sperando di riuscire a mettere insieme un pasto quotidiano per la famiglia. Ma tutti stanno aspettando il picco previsto nella seconda metà di giugno.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin

 

Covid aumenta e cavallette continuano a divorare il Corno, a rischio anche Africa occidentale

 

Guterrez: 3000 miliardi di $ per l’Africa ma il Coronavirus farà milioni di morti

Covid-19, ONG lancia campagna di risposta globale: $100 miliardi per l’Africa

L’Africa in guerra su due fronti: il Covid-19 e la nuova invasione di cavallette

Il Coronavirus attacca 47 Paesi africani: scoppiano rivolte nelle carceri

 

 

Giornalista pubblicista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90 in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: