Gabon, chiusi parchi nazionali per proteggere gorilla e scimpanzé da Covid-19

Il Covid-19 potrebbe contagiare le grandi scimmie dell’Africa equatoriale, come successo nel 1995 con il virus Ebola. Il Gabon si organizza per proteggerli e difendere un business ecosostenibile da 400 milioni di USD

sandro_pintus_francobolloSpeciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
Firenze, 23 marzo 2020

Il Covid-19 minaccia anche gorilla e scimpanzé quindi è meglio chiudere al turismo. “I virus che attaccano il sistema respiratorio degli esseri umani sono facilmente trasmessi alle grandi scimmie a causa della vicinanza tra queste specie”. Queste le parole di Christian Tchemambela, dell’Agenzia nazionale per i parchi nazionali del Paese (ANPN), rilasciate all’AFP.

Gorilla rischiano di essere colpiti da Covid-19 (Coronavirus)
I gorilla rischiano di essere colpiti da Covid-19 (Coronavirus)
(Courtesy Smithsonian Channel)

Dichiarazioni che giustificano la chiusura, da parte del governo di Libreville, di tutti i parchi nazionali, areali di gorilla e scimpanzé, per proteggerli dal contagio da Coronavirus. Una misura indispensabile per ridurre al minimo il rischio di contaminazione tra uomo e animale che nel 1995 ha quasi sterminato la popolazione di primati.

Il virus ebola 25 anni fa, in Gabon, fece un salto di specie passando dagli esseri umani alle grandi scimmie. La malattia ha decimato il 90 per cento la popolazione di gorilla, cosa che oggi il Paese africano vuole evitare. Il turismo ecologico, che vede la protezione dei gorilla e scimpanzé e del loro habitat, è una voce strategica per l’economia dell’ex colonia francese. Secondo lo Smithsonian Channel, il lavoro della zoologa Dian Fossey con i gorilla in Rwanda è stato preziosissimo. Ha dato il via a un’industria ecosostenibile che vale 4oo milioni di dollari USA all’anno.

“Quasi l’80 per cento del Gabon è coperto da foreste – ha affermato Tchemambela -. Negli ultimi anni abbiamo istituito programmi di alloggi per primati nei suoi parchi nazionali per attirare il turismo. Le entrate che ne derivano vengono utilizzate per finanziare la protezione della fauna selvatica. A causa del nuovo coronavirus, gli esseri umani a contatto con i gorilla rappresentano una minaccia”.

Il personale dei parchi, per evitare di contagiare le grandi scimmie, è stato messo in quarantena per due settimane. Stop quindi a safari e gite per ammirare i gorilla e gli scimpanzè.

Mappa del Gabon - Covid-19
Mappa del Gabon – Ancora pochi casi di Coronavirus , ma possono essere fatali per i gorile e scimpanzé (Courtesy GoogleMaps)

Per il momento nel Paese dell’Africa equatoriale, secondo Statista, azienda privata di raccolta dati, al 21 marzo sono registrati quattro casi tra cui un decesso. Intanto è morto il paziente zero, un ventisettenne, diabetico con ipertensione, tornato dalla Francia. Riguardo alla diffusione del Coronavirus il governo gabonese ha preso misure di contenimento con la chiusura delle scuole, locali pubblici e commerciali.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin

Kenya, coronavirus e fakenews: arrestato 23enne. Rischia 10 anni di galera e 43mila euro

Pericolo coronavirus, Comando USA Africom annulla esercitazione nel Golfo di Guinea

Dalla Cina all’Iran e poi in Siria: il coronavirus ha seguito i trafficanti d’armi

Nessuno ferma i voli Milano-Rimini-Teheran e l’Iran è il secondo focolaio del virus al mondo

Misteri e coronavirus: Iran Air a Milano, affari con Teheran, armi e droga

 

Giornalista pubblicista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90, in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.