Published On: Tue, Apr 18th, 2017

Basta sculacciate e schiaffi alle piccole pesti in Zimbabwe: vietati le punizioni corporali

Africa ExPress
Harare, 18 aprile 2017

La Corte suprema di Harare ha condannato le punizioni corporali nell’ambito scolastico e casalingo nei confronti di minori.

Anche se la sentenza con le relative motivazioni deve essere ancora depositata, la decisione del giudice David Mangota è stata presa in seguito alla denuncia di un genitore, Linah Pfungwa, perché il figlio durante lo scorso anno scolastico, quando frequentava la prima elementare, era stato picchiato dall’insegnante durante le lezioni.

Alunno mentre viene picchiato con righello

Alunno mentre viene picchiato con righello

“Le punizioni corporali non devono far parte dell’educazione di un bambino, sia a scuola che a casa. Ritengo che questo tipo di castighi costituiscano un atto di violenza nei confronti dei piccoli, un abuso fisico intollerabile, che può provocare lesioni, come abrasioni, fratture della ossa, ematomi e quant’altro. Tali abusi possono provocare danni permanenti seri e talvolta essere causa di morte nei minori”, ha precisato l’avvocato della Pfungwaga nella querela.

Mangota ha riconosciuto le obiezioni della Pungwaga e ha precisato che la sua sentenza sarà depositata presto.

Non appena sarà confermato il “verdetto”, lo Zimbabwe sarà in linea con i Paesi (un terzo su scala mondiale) che vietano infliggere punizioni corporali ai bambini.

Africa ExPress

Rate this post

This post has already been read 464 times!

About the Author

- Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.