Published On: Mon, Mar 28th, 2016

Panico in Guinea, altri undici ammalati di ebola, tutti bambini, tre morti

Speciale per Africa ExPress
Cornelia I. Toelgyes
Quartu Sant’Elena, 28 marzo 2016

La Guinea è in stato di allerta. Nel sud del Paesi sono stati segnalati undici nuovi sospetti casi di ebola, tutti bambini: tre di loro sono già morti. L’Unicef (il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia) ha lanciato l’allarme e chiede aiuti sanitari immediati per circoscrivere la letale infezione. Il micidiale virus ebola, dunque, continua mietere vittime. (http://www.africa-express.info/2016/03/19/ritorna-in-guinea-la-paura-di-ebola-tre-nuovi-morti/).

_81985216_81985214

A metà marzo l’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) aveva segnalato i primi nuovi casi a Koropara, nella Prefettura di Nzérékoré, nell’estremo sud-est della ex-colonia francese, dove finora sona già morte quattro persone. Una quinta persona non è sopravvissuta al virus killer nella Prefettura di Macenta, che dista duecento chilometri da Koropara.

Fode Sylla Tass del coordinamento nazionale della lotta contro l’ebola ha dichiarato che la vittima deceduto a Macenta, un uomo, per sua stessa ammissione, si sia recato a Koropara dove ha avuto contatti diretti con le vittime. Purtroppo sembra che per il suo funerale non siano state applicate le precauzioni necessarie ed è stato seppellito nel cimitero del villaggio di Makoidou . In molti Paesi africani la tradizione vuole che la salma venga lavata prima della cerimonia; venire in contatto con un corpo infetto, anche se non più vivente, diventa un importante mezzo di trasmissione del virus.

Attualmente ottocentosedici persone sono state messe in quarantena, perché entrate in contatto diretto con gli ammalati e/o i morti di ebola. Gli esperti non hanno potuto appurare perché e come le persone della piccola comunità di Koropara abbiano potuto contrarre il terribile virus killer.

CeVpewyXEAAYkL4

 

Come precauzione la Liberia ha nuovamente chiuso i confini con la Guinea martedì scorso, dopo la morte della quarta vittima. Il ministro dell’informazione, Lenn Eugene Nangbe, in un comunicato ha fatto sapere: “Abbiamo ordinato la chiusura delle frontiere con effetto immediato e non saranno riaperte finche la situazione in Guinea non migliorerà”.

Cornelia I. Toelgyes
corneliacit@hotmail.it
@cotoelgyes

Rate this post

This post has already been read 3387 times!

About the Author

- Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi

Displaying 1 Comments
Have Your Say
  1. […] Anche se il governo di Monrovia ha immediatamente chiuso le sue frontiere con la Guinea per la paura che il contagio si propagasse, la misura non è stata sufficiente. Domenica scorsa è deceduta una trentenne appena giunta in un ospedale nella capitale liberiana. Il marito, contagiato dal virus era morto in Guinea mentre lei era in viaggio con i suoi tre figli. E’ riuscita ad attraversare la frontiera nonostante questa sia stata ufficialmente chiusa dalla fine di marzo (http://www.africa-express.info/2016/03/28/panico-in-guinea-altri-undici-ammalati-di-ebola-tutti-bamb&#8230😉 […]

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.